Nasce l'Alta Scuola Italiana di Gastronomia Luigi Veronelli

Nasce l'Alta Scuola Italiana di Gastronomia Luigi Veronelli

Aprirà i battenti a luglio sull'isola di San Giorgio a Venezia. Nel 2019 il primo corso sul vino e nel 2020 quello dedicato alla cucina italiana

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

21

Maggio
2018

Il Seminario Permanente Luigi Veronelli, associazione senza scopo di lucro fondata nel 1986 dal padre della critica enogastronomica contemporanea, e la Fondazione Giorgio Cini, polo culturale internazionale che ha sede sull'Isola di San Giorgio Maggiore a Venezia, danno vita all'Alta Scuola Italiana di Gastronomia Luigi Veronelli. Le attività partiranno a luglio sull'isola veneziana con il sostegno di Banca Generali Private.
La nuova realtà formativa sarà coordinata da Andrea Bonini, direttore del Seminario Veronelli e si ispirerà alle rivoluzionarie idee veronelliane, offrendo un percorso formativo dedicato al sapere della terra e della tavola.

"L'idea dell'Alta Scuola italiana di Gastronomia Luigi Veronelli nasce dalla convinzione che l'enogastronomia debba essere vissuta e proposta come momento di conoscenza, e l'alimentazione sia occasione per nutrire corpo e mente", ha commentato Angela Maculan, presidente del Seminario Permanente Luigi Veronelli.

A presiedere il Comitato Scientifico sarà Alberto Capatti; tra i membri anche Pasquale Gagliardi, segretario generale di Fondazione Giorgio Cini, e Alfonso Iaccarino, pluripremiato chef patron del ristorante Don Alfonso 1890.
L'inizio delle attività è previsto a luglio 2018; nel 2019 il primo percorso di alta formazione sul vino e nel 2020 quello dedicato alla cucina italiana.
I corsi staranno declinati su 150 ore nell'ambito di un semestre accademico.


Condividi su: