Nasce il Comando per la Tutela Forestale e Agroalimentare

Nasce il Comando per la Tutela Forestale e Agroalimentare

Deriva dalla riorganizzazione del Corpo Forestale dello Stato e, con i suoi 7mila uomini in organico, farà parte dell'Arma dei carabinieri

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

25

Ottobre
2016

Ufficialmente è nato l'ennesimo soggetto che controllerà e tutelerà il comparto agroalimentare italiano. Si tratta del Comando Unità per la Tutela Forestale, Ambientale e Agroalimentare dei Carabinieri, la nuova unità prevista dalla riforma della Pubblica Amministrazione che discende dalla riorganizzazione del Corpo forestale dello Stato all'interno dell'Arma dei carabinieri. In futuro disporrà di 7 mila uomini specializzati impiegati sul campo. A capo della nuova Unità c’è il Generale di Corpo d’Armata Antonio Ricciardi, Vice Comandante dell’Arma.

Viene potenziato il livello di presidio del territorio attraverso il rafforzamento dell’attuale assetto con la cooperazione della rete di strutture dell'Arma che già comprende il Nac (Nucleo Antifrodi Carabinieri), il Noe (Nucleo operativo ecologico), e il Nas (Nucleo anti sofisticazioni). Il comando ingloberà anche il Comando carabinieri per la tutela dell'ambiente.

Il Comandante Generale dell'Arma Tullio Del Sette - durante una cerimonia ufficiale presso la Caserma Salvo D'Acquisto di Roma - ha ringraziato il Ministro delle Politiche Agricole Maurizio Martina per la sua presenza e il Governo per "la fiducia che ha voluto avere e manifestare oggi nei confronti dei Carabinieri con una scelta decisa e faticosa".

Il nuovo Comando è alle dipendenze funzionali del Ministro delle Politiche Agricole Maurizio Martina che a margine della cerimonia ha affermato di essere "grato all'Arma dei Carabinieri e al Corpo Forestale per il lavoro enorme svolto e per le grandi sfide che abbiamo davanti". La nuova organizzazione prevede "un efficientamento dei costi di gestione e risparmi fino a 100 milioni di euro in 3 anni" e il "il trasferimento di 750 agenti ad altre forze di polizia o amministrazioni, in particolare il reparto anti incendi confluirà nei Vigili del Fuoco".


Condividi su: