Meglio le merendine italiane rispetto a quelle americane e britanniche

Meglio le merendine italiane rispetto a quelle americane e britanniche

Negli Stati Uniti potrebbero chiamarsi "merendone": in media pesano più del doppio di quelle italiane e contengono 16 grammi di grassi, contro i 5,7 delle nostrane

Questo sito utilizza cookies per facilitare la navigazione del sito.
Se navighi su foodandtec.com, acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Consulta le Modalità di trattamento dei dati personali

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

03

Ottobre
2018

AIDEPI, l'Associazione Industriali Del Dolce e della Pasta Italiani ha commissionato uno studio comparativo alla Fondazione Italiana per l'Educazione Alimentare (Foodedu) che ha analizzato lo scenario della merenda confezionata in Italia, Gran Bretagna e Stati Uniti: le merendine italiane risultano più "sane" rispetto a quelle britanniche e ancor meno dannose di quelle made in USA. In particolare hanno un peso contenuto, 34 grammi, rispetto a quelle britanniche che pesano quasi il doppio, 66 grammi, senza parlare di quelle americane: delle superporzioni da 81 grammi.

Lo studio comparativo ha confrontato le caratteristiche nutrizionali di 10 merendine tra le più significative del mercato della grande distribuzione e ha attestato che le merendine italiane contengono in media 5,7 grammi di grassi, dei quali 2,1 grassi saturi, e 9 grammi di zuccheri per un contenuto calorico a porzione pari a 136 kcal.

Una merendina inglese, anche in virtù del maggior peso, ha un contenuto quasi doppio di grassi (12 grammi, dei quali 5,2 grassi saturi) e di zuccheri (19 grammi) e ben 251 kcal.
Ancora peggio la situazione negli Stati Uniti: le merendone da 81 grammi, comporta 16 grammi di grassi, dei quali quasi 6,6 grassi saturi, circa 26 grammi di zuccheri e 344 kcal.


Condividi su: