Abbasso la pastasciutta!

Abbasso la pastasciutta!

Alla Casa di Alti Formaggi a Treviglio si parlerà di Marinetti e delle sue idee futuriste in cucina

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

05

Ottobre
2017

Saranno arte, politica e storia ad animare l'incontro organizzato il prossimo lunedì 23 ottobre, alle ore 18.00 alla Casa di Alti Formaggi a Treviglio, in provincia di Bergamo.

Lo spazio, appositamente allestito in via Roggia Vignola 9 dall’Associazione Alti Formaggi per promuovere la cultura enogastronomica e le eccellenze DOP, presenterà le idee di Marinetti e dei suoi seguaci applicate alle preparazioni alimentari e racconterà la cucina futurista e le vicissitudini che ne hanno caratterizzato il controverso percorso.

Un genere di cucina considerata come la lotta contro l'«alimento amidaceo» (cioè la pastasciutta), colpevole di ingenerare negli assuefatti consumatori "fiacchezza, pessimismo, inattività nostalgica e neutralismo".

L'idea di cucina futurista nasce il 15 novembre 1930 durante una cena al ristorante milanese "Penna d'oca" in cui Marinetti preannuncerà il "Manifesto della cucina futurista".

Il Manifesto, pubblicato il successivo 20 gennaio 1931 predica, tra le altre cose, l'abolizione della forchetta e del coltello, dei condimenti tradizionali, del peso e del volume degli alimenti e della politica a tavola, auspicando la creazione di "bocconi simultaneisti e cangianti", invitando i chimici a inventare nuovi sapori e incoraggiando l'accostamento ai piatti di musiche, poesie e profumi.

A intratternere i partecipanti Lapo De Carlo, giornalista e conduttore radiofonico, affiancato da Fabrizio Camer, chef valtellinese di nascita e bergamasco d’adozione, titolare del ristorante Love Kitchen e di Sassella Ricevimenti con sede a Casirate d’Adda.

Tre i piatti particolari presentati, frutto della elaborazione in chiave futurista di Taleggio, Salva Cremasco e Provolone Valpadana.

Ingresso gratuito con iscrizione obbligatoria.


Condividi su: