Mangiare frutta e verdura rende felici

Mangiare frutta e verdura rende felici

Aumentare il numero delle porzioni fa crescere il benessere emotivo. Consumarne 10 al giorno porta a una piena soddisfazione della propria vita

Questo sito utilizza cookies per facilitare la navigazione del sito.
Se navighi su foodandtec.com, acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Consulta le Modalità di trattamento dei dati personali

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

06

Febbraio
2019

La scoperta è davvero interessante e se ci mettessimo di buzzo buono con il consumo di frutta e ortaggi provocheremmo un drastico taglio del fatturato delle aziende farmaceutiche produttrici di "pillole della felicità".

Uno studio condotto su oltre 45mila individui dimostra che il benessere individuale cresce all'aumentare delle porzioni di frutta e verdura consumate ogni giorno. Condotta in Gran Bretagna presso le University of Leeds, e University of York, la ricerca è stata pubblicato sulla rivista Social Science and Medicine.

I tre ricercatori - Neel Ocean, Peter Howley, Jonathan Ensor - hanno analizzato il vasto campione su diversi fronti, tra cui dieta, stili di vita, comportamenti e condizioni di salute. È emerso che il grado di benessere individuale cresce proporzionalmente alla quantità e alla frequenza di consumo di frutta e verdura.

Lo studio ha rivelato che la soddisfazione della propria vita aumenta enormemente se si raddoppia il consumo dalle 5 porzioni consigliate alle 10. Un miglioramento equivalente a quello che si può ottenere dal passaggio dalla condizione di disoccupati all'aver trovato un lavoro.

"I nostri risultati forniscono un'ulteriore evidenza che persuadere le persone a consumare più frutta e verdure non solo fa bene alla loro salute fisica nel lungo termine, ma anche al loro benessere mentale nel breve termine", scrivono gli autori nella presentazione dello studio.

Lettuce be happy: A longitudinal UK study on the relationship between fruit and vegetable consumption and well-being


Condividi su: