Maltempo, la mappa dei disastri

Maltempo, la mappa dei disastri

Sommersi e salvati. Confagricoltura fa un primo rendiconto dei danni: Liguria, Lazio, Lombardia, Veneto, Emilia, Puglia, Calabria, Sicilia... sono poche le regioni che si salvano. In arrivo un'altra perturbazione

Questo sito utilizza cookies per facilitare la navigazione del sito.
Se navighi su foodandtec.com, acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Consulta le Modalità di trattamento dei dati personali

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

31

Ottobre
2018

Arriva la mappa dei danni per l'ondata di maltempo che ha appena colpito tutto il Paese e che rischia di abbattersi nuovamente nelle prossime ore. Lo fa sapere Confagricoltura, nell'esprimere profondo cordoglio per le vittime e rendendosi da subito disponibile a fornire supporto e trattori per iniziative di soccorso su tutto il territorio. Un gravissimo lutto che ancora una volta mette in evidenza la fragilità del Paese, con comuni a rischio frane e alluvioni dove manca manutenzione e cura costante.

Per quanto riguarda la situazione dei terreni e delle attività agricole, la Liguria si avvia a chiedere lo stato di emergenza per colture e serre devastate.
Nel Lazio la situazione è grave nel sud pontino con centinaia di ettari di colture ortofrutticole sott'acqua, da Cori a Fondi.
In Piemonte i danni maggiori si sono registrati nei campi nel Canavese (Torino), nell'Astigiano, nell'Albese (Cuneo) e nell'Alessandrino.
Se in Lombardia è colpita soprattutto la provincia di Bergamo, in Veneto ad avere la peggio è il bellunese, con situazioni critiche anche nel Polesine.
Per quanto riguarda l'Emilia Romagna sono giunte segnalazioni da Reggio Emilia e Piacenza dove il vento ha danneggiato filari di vite, alberi, stalle e capannoni.
In Campania gravi i problemi nel casertano dove è straripato il Volturno provocando danni alla raccolta delle olive del 30%.
Danni anche in Puglia nel barese, nel foggiano e nel Salento soprattutto per le raffiche di vento.
In Toscana hanno sofferto in particolare le campagne di Livorno e Grosseto, anche qui con il 40% di olive a rischio.
In Abruzzo, segnalazioni di danni nel teramano, mentre in Sardegna nel solo oristanese si contano milioni di danni.
E ancora in Sicilia nel catanese continua il lavoro anche per la stima dei danni da alluvione dei giorni scorsi.
Colpita gravemente anche tutta la Calabria.


Condividi su: