MADE in MED

MADE in MED

Roma ha ospitato l’incontro dei rappresentanti dei 90 progetti Interreg-MED che hanno condiviso idee, esperienze e valori per la crescita nel Mediterraneo

Questo sito utilizza cookies per facilitare la navigazione del sito.
Se navighi su foodandtec.com, acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Consulta le Modalità di trattamento dei dati personali

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

26

Aprile
2018

Il 18 e 19 aprile si è svolto nella capitale italiana il summit dei rappresentanti dei progetti Interreg-MED1: due giorni di confronti sulle quali basare la crescita e la collaborazione nel Mediterraneo. I portavoce dei 90 progetti rappresentati hanno contribuito ad animare il dibattito e condiviso conoscenze e risultati ottenuti nei diversi settori di crescita sostenibile, sociale, economica e politica degli Stati mediterranei che ospitano le iniziative Interreg-MED.

Messaggi chiave sono stati lanciati dai rappresentanti dei vari Paesi: l’Europa del Mediterraneo deve avere una voce forte nella futura cooperazione territoriale europea, come forti devono essere le sinergie tra le regioni per una maggiore crescita green e inclusiva.

La partecipazione del Progetto MADRE

Tra gli attori presenti a Roma si annovera il progetto MADRE, dedicato allo sviluppo dell’agricoltura urbana e periurbana nel Mediterraneo. I rappresentanti del progetto hanno moderato il tavolo di lavoro sulle Smart Cities, cercando di facilitare la discussione sulle politiche da promuovere per lo sviluppo urbano e di individuare strumenti e azioni comuni implementabili. 

MADRE ha partecipato anche al Tasting Lab della Green Growth Community, un’area ricca di esperienze sensoriali dove poter toccare con mano i risultati dei progetti: i rappresentanti dei Paesi della Community, provenienti da tutta l’Europa mediterranea, hanno arricchito l’area con i loro prodotti locali come olio, olive, formaggi. La Città Metropolitana di Bologna ha contribuito coinvolgendo direttamente il Mercato Ritrovato - uno dei mercati contadini presenti in città che raccoglie molti produttori locali dell’area metropolitana - con uno show cooking sulla pasta homemade, preparata con farina integrale e biologica.
Le "sfogline" (le signore che praticano l’antico mestiere di lavorare la pasta a mano in Emilia-Romagna) hanno lavorato diversi tipi di pasta, dalle tagliatelle ai garganelli con l’alga spirulina, il cacao e le uova, facendo preparare la pasta anche ai partecipanti del tasting lab.

MADRE è un progetto europeo di cooperazione territoriale che mira a cambiare il modello di approvvigionamento alimentare delle metropoli capitalizzando buone pratiche esistenti, responsabilizzando i vari stakeholder dell’agricoltura urbana e periurbana, e dando il via a una dinamica di cooperazione transnazionale nella regione MED.

Community building per la Green Growth

In particolare, MADRE ha presentato il Catalogo delle Buone Pratiche di agricoltura urbana e peri-urbana, una piattaforma digitale che promuove il networking tra gli stakeholder e un Policy Paper come strumento di indirizzo per le politiche urbane sostenibili che riconoscono nell’agricoltura metropolitana un asset strategico di sviluppo.

1. I partner di progetto sono: AVITEM - Agenzia per le Città e i Territori Sostenibili del Mediterraneo, coordinatore di progetto, e ANIMA Investment Network (Marsiglia, Francia), CIHEAM-IAMM – Centro Internazionale di Studi Avanzati sull’Agronomia del Mediterraneo di Montpellier (Francia), Città metropolitana di Bologna (Italia), MedCities - Network Mediterraneo per lo Sviluppo Urbano Sostenibile  (Barcellona, Spagna), Università Aristotele di Salonicco (Grecia), Università Agraria di Tirana (Albania).

Condividi su: