"Let's take salt off the menu"

Dal 4 al 10 marzo si svolge la Settimana mondiale di sensibilizzazione per la riduzione del consumo alimentare di sale, promossa dalla WASH. Bisogna scendere a -5g/die

Questo sito utilizza cookies per facilitare la navigazione del sito.
Se navighi su foodandtec.com, acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Consulta le Modalità di trattamento dei dati personali

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

05

Marzo
2019

Far diminuire di quasi un terzo il consumo di sale a livello mondo entro il 2025. Questo l'obiettivo pretenzioso dell'Organizzazione Mondiale della Sanità che, supportata da un’accurata ricerca scientifica, raccomanda un’assunzione di meno di 5 grammi di sale al giorno.
La Settimana Mondiale per la Riduzione del Consumo di Sale organizzata da World Action on Salt & Health (WASH) e in Italia sostenuta dal Ministero per la Salute, dalla Società Italiana di Nutrizione Umana (SINU), dal Gruppo Intersocietario Meno Sale Più Salute e dal Programma Guadagnare Salute, è stata studiata proprio per divulgare le buone pratiche della dieta povera in sodio. Quest'anno si svolge dal 4 al 10 marzo.

World Action on Salt & Health (WASH), associazione con partner in 100 Paesi dei diversi continenti, istituita nel 2005 per migliorare la salute delle popolazioni attraverso la graduale riduzione dell’introito di sodio, incoraggia le aziende alimentari multinazionali a ridurre il sale nei loro prodotti e sensibilizza i Governi sulla necessità di un'ampia strategia di comunicazione verso la popolazione per la riduzione del consumo alimentare di sale.
Un consumo eccessivo di sale determina, infatti, un aumento della pressione arteriosa, con conseguente aumento del rischio di insorgenza di gravi patologie cardio-cerebrovascolari correlate all’ipertensione arteriosa, quali infarto del miocardio e ictus cerebrale. L’introito di sale è stato, inoltre, associato anche ad altre malattie cronico-degenerative, quali tumori dell’apparato digerente, in particolare quelli dello stomaco, osteoporosi e malattie renali.

La settimana mondiale 2019, dedicata al tema Let's take salt off the menu (togliamo il sale dai menù), mira anche quest’anno a promuovere l’azione degli Stati e a sensibilizzare l’opinione pubblica, ricordando gli effetti nocivi del consumo eccessivo di sale e incoraggiando la popolazione ad apportare modifiche alle abitudini alimentari e di acquisto.

Le 5 azioni di WASH per ridurre il consumo di sale

World Action on Salt & Health (WASH) segnala cinque azioni concrete per ridurre il consumo di sale a meno di 5 grammi al giorno, così come raccomandato dall’OMS:

  1. usare erbe, spezie, aglio e agrumi al posto del sale per aggiungere sapore al cibo
  2. scolare e risciacquare verdure e legumi e in scatola, mangiare più frutta e verdura fresca
  3. controllare le etichette prima di acquistare per scegliere prodotti alimentari meno salati
  4. usare gradualmente meno sale nelle ricette. Le papille gustative si adatteranno
  5. togliere dalla tavola sale e salse salate in modo che i più giovani non si abituino ad aggiungere il sale.

Consumo di sale e salute


Condividi su: