La riforestazione di Legambiente e Nespresso

La riforestazione di Legambiente e Nespresso

Al via il progetto per la creazione di oasi verdi: si comincia da Assago e Monza con la riforestazione di 10.500 mq

Questo sito utilizza cookies per facilitare la navigazione del sito.
Se navighi su foodandtec.com, acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Consulta le Modalità di trattamento dei dati personali

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

15

Ottobre
2020

Nespresso si è alleata con Legambiente, con cui ha iniziato una collaborazione che continuerà fino al 2022, per Le città che respirano, un'iniziativa che rientra nella campagna Mosaico verde ideata e promossa in collaborazione con AzzeroCO2 per creare in tutta Italia oasi verdi.
La partenza sarà ad Assago, appena fuori Milano, dove si trova la sede italiana di Nespresso, e a Monza con l'obiettivo di riforestare quest'anno 10.500 metri quadri.

"Abbiamo affiancato Legambiente e AzzeroCO2 - ha commentato Stefano Goglio, Direttore Generale di Nespresso Italiana - perché in Nespresso abbiamo come priorità la tutela dell'ambiente. Lo dimostra il nostro recente impegno a livello globale che prevede, tra le azioni messe in atto per raggiungere l'azzeramento delle emissioni di carbonio entro il 2022, anche la piantumazione degli alberi nelle piantagioni di caffè e nei territori circostanti, per migliorare la qualità e la quantità di un raccolto di caffè e favorire la rigenerazione del suolo".

"Questa collaborazione - ha aggiunto Giorgio Zampetti, Direttore Generale di Legambiente - ci consentirà di intervenire sulla specificità territoriale delle aree prescelte, rafforzando la superficie boscata e la biodiversità che caratterizza ogni habitat, attraverso l'adozione di criteri di sostenibilità che devono guidare la gestione e il mantenimento di questi spazi".

La campagna Mosaico Verde è un progetto di forestazione nato con lo scopo di facilitare l’incontro tra le necessità degli enti locali di recuperare aree verdi e la volontà delle aziende di investire risorse nella creazione o tutela di boschi permanenti. L'obiettivo è piantare 300mila nuovi alberi e tutelare 30mila ettari di boschi esistenti su tutto il territorio nazionale in modo da accrescere il patrimonio naturale, mitigare gli effetti generati dall’inquinamento acustico e ambientale creando una barriera verde che li contenga, avere aree verdi a disposizione dei cittadini.


Condividi su: