Le proposte del Parlamento UE per aiutare la filiera

Le proposte del Parlamento UE per aiutare la filiera

De Castro: "La Commissione Agricoltura ha presentato all'Esecutivo e alla Presidenza UE idee concrete per blindare la sostenibilità economica del comparto agroalimentare"

Questo sito utilizza cookies per facilitare la navigazione del sito.
Se navighi su foodandtec.com, acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Consulta le Modalità di trattamento dei dati personali

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

24

Marzo
2020

Paolo De Castro coordinatore dei Socialisti e Democratici alla Commissione Agricoltura dell'Europarlamento ha affermato che "La Commissione ha presentato oggi (23 marzo 2020 n.d.r) proposte concrete per venire in aiuto ai produttori e all'intero sistema agroalimentare. Vogliamo blindare la sostenibilità economica del comparto, prevedendo misure e aiuti per fronteggiare le difficoltà attuali e quelle che potrebbero sorgere", annunciando una lettera della Commissione Agricoltura al Commissario per l'Agricoltura UE Janusz Czesław Wojciechowski e alla presidente croata Marija Vučković, che anticipa il Consiglio dei ministri dell'agricoltura del 25 marzo e il voto dell'Assemblea del 26 marzo sul primo pacchetto di misure anticrisi. "Un aspetto fondamentale - afferma l'eurodeputato del Pd - è garantire il funzionamento del mercato unico, consentendo ai generi alimentari di circolare liberamente attraverso corridoi verdi, al pari degli input essenziali alla produzione agroalimentare. Senza dimenticare la libera circolazione dei lavoratori agricoli".

"Il nostro pensiero - prosegue De Castro - va agli agricoltori, allevatori, floricoltori e produttori che hanno perso i loro clienti del canale HoReCa. Per loro sono necessarie sia misure speciali sia sbocchi di mercato alternativi".
Servono:

  • un fondo straordinario di aiuto all'ammasso privato,
  • acquisti massicci di prodotti per gli indigenti e la possibilità di trasformare il latte fresco in prodotto in polvere e a lunga conservazione
  • la semplificazione delle procedure, garantendo la massima flessibilità agli Stati membri.
  • deroghe generali nell'applicazione delle misure della PAC fino al 31 dicembre 2020

Alla Commissione europea viene così chiesta una strategia globale per i settori più colpiti, con l'attivazione di linee di credito di emergenza per gli agricoltori.


Condividi su: