Le Pringles al Prosecco? Risolutamente no

Le Pringles al Prosecco? Risolutamente no

Utilizzato senza autorizzazione il nome del vino bianco a Denominazione di Origine Controllata prodotto in Veneto e Friuli-Venezia Giulia. Sequestrate centinaia di confezioni di patatine

Questo sito utilizza cookies per facilitare la navigazione del sito.
Se navighi su foodandtec.com, acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Consulta le Modalità di trattamento dei dati personali

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

15

Ottobre
2019

Il sito del MiPAAF ha dato notizia di un sequestro particolare accompagnato dal commento della ministra Teresa Bellanova: "I furti di identità non possono essere consentiti". Stiamo parlando del ritiro amministrativo avvenuto il 14 ottobre 2019 per "utilizzo di nomi di vini DOP senza autorizzazione del Consorzio", di centinaia di confezioni di patatine al Prosecco a marchio Pringles, in vendita in una catena veneta di supermercati.

Le patatine utilizzavano infatti senza autorizzazione il nome Prosecco e recavano negli ingredienti una non meglio precisata polvere di prosecco (!).

Il sequestro delle Pringles al Prosecco "testimonia il forte impegno del Ministero e dell'ICQRF, la nostra Autorità per la lotta alle frodi e la tutela della qualità, nel combattere l'usurpazione di nomi protetti italiani. Azione - ha concluso la Ministra Bellanova - che avviene sia in Italia, dove esiste una legislazione organica a tutela delle indicazioni geografiche, sia all'estero e sul web".


Condividi su: