Le macchine per il packaging italiane valgono più di 8 miliardi

Le macchine per il packaging italiane valgono più di 8 miliardi

A tanto ammonta il fatturato stando ai primi pre consuntivi del Centro Studi UCIMA. Il settore continua a crescere nel 2019 (+1,8% sul 2018) segnando performance positive sia in Italia sia nei mercati esteri

Questo sito utilizza cookies per facilitare la navigazione del sito.
Se navighi su foodandtec.com, acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Consulta le Modalità di trattamento dei dati personali

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

20

Dicembre
2019

Continua senza tentennamenti la crescita delle macchine per packaging italiane il cui fatturato complessivo, nel 2019, supera la soglia record di 8 miliardi di euro. Il settore, secondo i dati pre consuntivi del Centro Studi dell'Unione Costruttori Italiani Macchine Automatiche per il confezionamento e l’imballaggio, registra una crescita dell’1,8%.

L’Italia, sull’onda dei risultati già ottenuti lo scorso anno anche grazie agli incentivi governativi di Industria 4.0, cresce ancora del 3,2%, per un totale di 1,713 miliardi di euro.
L’export - che rappresenta il 78,6% del fatturato complessivo - sale dell’1,4%, raggiungendo il valore assoluto di 6,293 miliardi di euro.

I dati disaggregati disponibili evidenziano in particolare tre macroaree di sbocco delle tecnologie made in Italy che hanno segnato le performance migliori: Asia (+12,7%), UE (+6,5%) e Africa/Oceania (+3%).

"Siamo soddisfatti ed orgogliosi per questo ennesimo traguardo raggiunto - commenta Enrico Aureli, presidente di UCIMA - segno di un settore solido e dinamico. Ma non dobbiamo adagiarci sugli allori, perché le sfide che ci attendono sono complicate, i competitor sempre più agguerriti e gli scenari particolarmente instabili." Le previsioni per il 2020 restano caute: tra gli elementi di preoccupazione, le continue turbolenze geopolitiche in diversi mercati, i dazi e le tensioni commerciali a livello internazionale. "Secondo gli outlook macro-economici, rallenterà ulteriormente la crescita del Pil mondiale - conclude Aureli - e a livello di settore la raccolta ordini è al momento meno positiva rispetto al passato. Riteniamo quindi che il 2020 potrebbe essere un anno di consolidamento, dopo la crescita costante e impetuosa degli ultimi anni."

Nell'immagine la cena di fine anno con la stampa durante la quale il Presidente di UCIMA, Enrico Aureli e il Direttore, Paolo Gambuli, hanno presentato i dati di andamento del settore.


Condividi su: