La Settimana della Cucina Italiana nel Mondo

La Settimana della Cucina Italiana nel Mondo

100 eventi digitali dal 23 al 29 novembre: show cooking, trasmissioni tematiche e guide interattive a cura di ENIT

Questo sito utilizza cookies per facilitare la navigazione del sito.
Se navighi su foodandtec.com, acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Consulta le Modalità di trattamento dei dati personali

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

19

Novembre
2020

Oltre 100 eventi con chef e divulgatori del settore, live show cooking in video streaming, trasmissioni tematiche e guide interattive, viaggi premio in Italia offerti da ENIT. Oltre a quiz su food e luoghi turistici a cui rispondere per vincere premi enogastronomici. E ancora concorsi realizzati con le ambasciate per la realizzazione di piatti italiani tipici in collaborazione con Il Gambero Rosso. Sono solo alcuni degli appuntamenti messi in campo da ENIT Agenzia Nazionale del Turismo Italiano che "porta il mondo a lezione di cibo radunandolo attorno ad una tavola ideale" per la V edizione della Settimana della Cucina Italiana nel Mondo, dal 23 al 29 novembre 2020.

La "settimana" è nata nel 2016, promossa dal Governo italiano, per divulgare nel mondo le tradizioni culinarie e enogastronomiche del nostro Paese.
Un appuntamento consolidato in base al piano annuale dell'ente che ha da poco festeggiato i suoi 101 anni, e ideato, realizzato e coordinato dalla Farnesina con MiSE, MiPAAF, MiUR, MiBACT, enti, associazioni e istituzioni.

L'attenzione è puntata sul patrimonio enogastronomico italiano, ricchezza diffusa nei territori e nei piccoli borghi dello Stivale e tra i principali attrattori di turismo in Italia, come raccontano diverse ricerche dell'Ufficio Studi ENIT. Un turismo che fino ad ottobre 2019 ha generato introiti per 354,5 milioni di euro, con un aumento del +17% sul 2018. Per oltre 1,4 milioni di viaggiatori (+29,9%) si rilevano circa 3,4 milioni di pernottamenti (+30,2%).

Al centro delle iniziative della rassegna non solo la qualità delle ricette e della ristorazione italiana, ma anche l'unicità dei prodotti e degli ingredienti originali italiani, a partire da quelli DOP e IGP come anche le peculiarità delle produzioni meno note e dell'offerta vitivinicola nazionale.


Condividi su: