La perfida Albione dichiara guerra al Prosecco

La perfida Albione dichiara guerra al Prosecco

Per la stampa inglese i sorrisi britannici hanno un nemico italiano: "L'acidità di questo vino e l'alto contenuto di zucchero mettono a rischio i denti"

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

31

Agosto
2017

In Gran Bretagna c'è una piccola polemica a proposito del Prosecco dopo che su alcuni giornali, fra cui il Daily Mail e il Guardian, sono stati riportati pareri di esperti secondo cui farebbe male ai denti a causa della sua elevata acidità e dell'alto contenuto di zucchero. A lanciare una delle periodiche crociate anglosassoni contro i prodotti italiani è stato il Daily Mail online, che ha raccolto le dichiarazioni di alcuni dentisti. Uno di loro è il professor Damien Walmsley, consulente scientifico della British Dental Association, che punta il dito contro il Prosecco per la presenza di anidride carbonica oltre agli zuccheri e all'alcol, che possono mettere a rischio i denti, "aumentando la sensibilità e il rischio di corrosione".

Anche il Guardian, con un commento a firma di Zoe Williams, ha discusso l'argomento ricordando come il vino frizzante, apprezzato soprattutto come "a cheaper alternative to champagne", sia da tempo diffusissimo nel Regno, in cui se ne bevono 40 milioni di litri ogni anno. I supermercati fanno a gara per offrire bottiglie a prezzi sempre più competitivi.
Il quotidiano elenca le ragioni per "evitare il Prosecco" partendo proprio dalla necessità di preservare il proprio sorriso.
È vero che il vino bianco ha una maggiore acidità rispetto al vino rosso ed è piú aggressivo nei confronti dei denti, ma è una caratteristica che riguarda tutti i vini bianchi, non solo il Prosecco. Bevendone moderatamente i rischi possono essere scongiurati.

Il portale italiano Londra Italia non ha taciuto e ha prontamente denunciato la fake news promossa dalla lobby britannica della birra (bannala, bannala, bannala).


Condividi su: