La bresaola va forte. Abbasso

La bresaola va forte. Abbasso "limone e rucola"

Dal 2010 i consumi sono aumentati del 43% ma viene gustata quasi sempre nella stessa maniera. Il Consorzio lancia il sito "Bresaola inedita" per provarla in modo alternativo

Questo sito utilizza cookies per facilitare la navigazione del sito.
Se navighi su foodandtec.com, acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Consulta le Modalità di trattamento dei dati personali

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

20

Aprile
2017

Dal 2000 il consumo della bresaola è aumentato del 43%, la mangiano abitualmente 8 italiani su 10, anche se quasi sempre con limone e rucola. Sono dati del Consorzio Tutela Bresaola della Valtellina, zona di produzione per eccellenza (12.700 tonnellate nel 2016), che lancia Bresaola inedita, web site per usarla al meglio.

La bresaola si adatta infatti a tantissime ricette, da primi piatti complessi ai finger food, in varianti anche migliori di quello più gettonato. Secondo il Consorzio il limone tende a ossidarla e cuocerla (meglio in emulsione olio e pepe) e si deve dosare bene la rucola (rapporto 5 a 1): sapori troppo amari sono nemici della bresaola valtellinese.
Le ricette proposte sul sito Bresaola inedita variano per tutti i gusti: caldo, freddo, finger, primi, insalate, street&pizza. Si va dall'Impertinente, ai Cannoli di bresaola & quinoa al profumo di curcuma, dagli Gnocchi di zucca, bresaola, taleggio, erba cipollina alla Rosa di bresaola al gusto delicato di burrata e pistacchi.

  Cannoli di bresaola & quinoa al profumo di curcuma
Cannoli di bresaola & quinoa al profumo di curcuma

"La Bresaola della Valtellina è un prodotto unico e inimitabile, da 21 anni garantito dal marchio comunitario IGP - ha detto Paola Dolzadelli, coordinatrice del Consorzio di Tutela Bresaola della Valtellina -. Ci accompagna una sapienza centenaria e il nostro ingrediente segreto, l'aria della Valtellina, perfetta per far maturare la carne senza seccarla".

Nel 2016 sono state prodotte poco meno di 12.700 tonnellate di Bresaola della Valtellina IGP, con una crescita di consumo del +3,2% rispetto all' anno scorso e del 43% rispetto al 2000.
Il consumo in vaschetta ha superato il 42% del mercato.
Trasversali le occasioni di consumo: secondo la ricerca "Gli italiani e la Bresaola della Valtellina", realizzata da Doxa per il Consorzio di Tutela Bresaola della Valtellina, 1 italiano su 3 la mangia soprattutto a cena (34%), a sottolineare che tra i plus del prodotto c'è la sua alta digeribilità. Il 19% la preferisce a pranzo, mentre il 28% del campione la consuma sia a pranzo sia a cena. Quasi tutti, però, la propongono sempre allo stesso modo e conoscono due o tre ricette, e non sanno che una delle sue caratteristiche è proprio quella di adattarsi a centinaia di preparazioni. Partendo da questa idea, nasce appuntao "Bresaola Inedita" del Consorzio di Tutela Bresaola della Valtellina, online da oggi.


Condividi su: