Urban Food Planning all'italiana

Urban Food Planning all'italiana

Città del Vino lancia in 407 municipi una visione sistemica della filiera agroalimentare che mette al centro sostenibilità, salute, sviluppo diffuso

Questo sito utilizza cookies per facilitare la navigazione del sito.
Se navighi su foodandtec.com, acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Consulta le Modalità di trattamento dei dati personali

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

22

Marzo
2017

L'idea è molto ambiziosa ed è giusto che sia così: città e campagna saranno più vicine e più integrate con l'Urban Food Planning, un nuovo strumento di pianificazione e riorganizzazione dei territori a vocazione enogastronomica. L'Urban Food Planning è un modello di rioganizzazione di città e territori che sta avendo applicazione nel mondo anglosassone, in particolare in Canada e Regno Unito. Toronto è leader in Nord America, l'inglese Bristol lo pratica dal 2011, mentre in Italia questo filone dell'urbanistica e della gestione ambientale muove i primi passi anche grazie al progetto delle Città del Vino, illustrato durante la cerimonia dei 30 anni dell'Associazione nazionale.

L'Urban Food Planning ha una visione sistemica e circolare della filiera e postula un approccio multidimensionale al cibo che comprende economia, salute, ambiente, turismo socialità e governance. Infatti si occupa della produzione, trasformazione, distribuzione, consumo e post consumo del cibo, nonché delle istituzioni e delle attività di regolamentazione connesse.

Il progetto delle Città del Vino rappresenta la naturale evoluzione dei Piani Regolatori del Vino ed è la nuova frontiera dello sviluppo sostenibile di città e aree metropolitane, un programma complesso che parte da valutazioni semplici e quotidiane: il cibo, al centro della nostra vita, ha evidenti connessioni con l'ambiente e il paesaggio, pone questioni di democrazia alimentare, problemi per i Paesi ricchi (es. diabete e obesità), costi occulti per il sistema sanitario ed è volano per le economie locali ma anche motivo di viaggio e scoperta dei territori. Sulla base di tali implicazioni le Città del Vino stanno promuovendo tra i 407 Comuni associati questo innovativo strumento di programmazione urbanistica e rurale che mette l'agricoltura al centro del futuro. A curare il progetto per le Città del Vino è Davide Marino, professore di Economia del Gusto all'Università del Molise. "Col nuovo approccio il cibo e l'agricoltura divengono elementi centrali di una città o di una rete di Comuni e territori - ha spiegato Marino - per un nuovo assetto delle funzioni paesaggistiche, economiche, sociali, ambientali, culturali e logistiche. A Milano, Parma e Torino si sta sperimentando la food policy, che qualifica la qualità del cibo delle mense, ma altra cosa - ha precisato infine l'esperto - è la pianificazione attorno al cibo, intesa come un'estensione dei piani regolatori".


Condividi su: