"L'apericena non esiste"

"Magri e in salute tra aperitivi e cene fuori casa" è il sottotitolo del vademecum di Federico Francesco Ferrero che spiega come non rinunciare alla vita sociale rimanendo in forma

Questo sito utilizza cookies per facilitare la navigazione del sito.
Se navighi su foodandtec.com, acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Consulta le Modalità di trattamento dei dati personali

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

16

Febbraio
2018

"L'Apericena non esiste dal punto di vista storico e nutrizionale, è un pasto finto, remunerativo per chi lo organizza inutilmente triste per chi lo consuma e soprattutto fa ingrassare".

A decretarlo è Federico Francesco Ferrero, medico chirurgo, nutrizionista, giornalista gastronomico e vincitore di Masterchef 2014 che su questo tema ha scritto un manuale presentato a Roma nella sede di Cia-Agricoltori Italiani. L'obiettivo? Godersi la vita sociale rimanendo in salute malgrado cocktail, aperitivi e spuntini al bar. Ferrero non prescrive alcuna dieta ma offre soluzioni semplici, da adottare come abitudine durante i pasti.

Il libro, edito da  Cairo Publishing, è un vademecum per districarsi fra feste, aperitivi, cene di lavoro e cerimonie: dalla colazione alla pausa pranzo, e poi il ristorante, la notte, le vacanze e la domenica, in 10 capitoli, l'analisi di ciascuna occasione di comportamento, per smentire l'assunto che mangiare fuori casa impedisce di mantenersi in forma. I consigli, frutto di anni di esperienza sul campo e della revisione della più autorevole letteratura scientifica, servono per rimuovere l’alibi che pranzare fuori casa impedisca di mantenersi in forma.

''Il libro è un invito a fare scelte consapevoli - ha commentato il presidente della Cia Dino Scanavino - aiuta a liberarci dall'alibi che la dieta non sia compatibile con la vita di tutti i giorni ma soprattutto ci guida nell'intraprendere una corretta abitudine alimentare, importante visto il grande patrimonio rappresentato dal cibo italiano, sintesi di eccellenza, bontà, genuinità e valore nutrizionale''.


Condividi su: