"L'apericena non esiste"

"Magri e in salute tra aperitivi e cene fuori casa" è il sottotitolo del vademecum di Federico Francesco Ferrero che spiega come non rinunciare alla vita sociale rimanendo in forma

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

16

Febbraio
2018

"L'Apericena non esiste dal punto di vista storico e nutrizionale, è un pasto finto, remunerativo per chi lo organizza inutilmente triste per chi lo consuma e soprattutto fa ingrassare".

A decretarlo è Federico Francesco Ferrero, medico chirurgo, nutrizionista, giornalista gastronomico e vincitore di Masterchef 2014 che su questo tema ha scritto un manuale presentato a Roma nella sede di Cia-Agricoltori Italiani. L'obiettivo? Godersi la vita sociale rimanendo in salute malgrado cocktail, aperitivi e spuntini al bar. Ferrero non prescrive alcuna dieta ma offre soluzioni semplici, da adottare come abitudine durante i pasti.

Il libro, edito da  Cairo Publishing, è un vademecum per districarsi fra feste, aperitivi, cene di lavoro e cerimonie: dalla colazione alla pausa pranzo, e poi il ristorante, la notte, le vacanze e la domenica, in 10 capitoli, l'analisi di ciascuna occasione di comportamento, per smentire l'assunto che mangiare fuori casa impedisce di mantenersi in forma. I consigli, frutto di anni di esperienza sul campo e della revisione della più autorevole letteratura scientifica, servono per rimuovere l’alibi che pranzare fuori casa impedisca di mantenersi in forma.

''Il libro è un invito a fare scelte consapevoli - ha commentato il presidente della Cia Dino Scanavino - aiuta a liberarci dall'alibi che la dieta non sia compatibile con la vita di tutti i giorni ma soprattutto ci guida nell'intraprendere una corretta abitudine alimentare, importante visto il grande patrimonio rappresentato dal cibo italiano, sintesi di eccellenza, bontà, genuinità e valore nutrizionale''.


Condividi su: