L’Alto Adige dice addio al glifosato

L’Alto Adige dice addio al glifosato

Da luglio tutte le foraggere della provincia di Bolzano saranno “glifosate-free”

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

20

Giugno
2018

Il presidente della Federazione Latterie Alto Adige, Joachim Reinalter annuncia che da luglio tutte le superfici foraggere saranno ''glifosate free''. "Ci assumiamo la nostra responsabilità verso la sostenibilità - spiega Reinalter - tanto seriamente quanto quella verso i nostri clienti, il nostro territorio, i nostri bambini e il nostro ambiente".

Nessuna percentuale di glifosato, almeno in Alto Adige, su tutte le superfici foraggere. A partire da luglio infatti gli altoatesini rinunceranno completamente al discusso erbicida agganciando, come spesso accade, i trend di mercato e approcciandosi alla sfida globale del settore lattiero-caseario con un'arma in più, quella della salubrità dei propri prodotti.

Secondo il Circ1 in laboratorio il glifosato provoca danni genetici e stress ossidativo ma, negli studi condotti sull'uomo, la cancerogenicità non è stata ancora dimostrata con assoluta certezza. Nel 2015 l’IARC2 l'ha inserito nella lista dei "cancerogeni probabili". Ciò basta per Reinalter. "Il glifosato è sospettato di essere cancerogeno - spiega ancora - e già questo sospetto per noi è una motivazione sufficiente per rinunciare a questo particolare fitosanitario".
M.P.

1. Centro interdipartimentale per la ricerca sul cancro.
2. International Agency for Research on Cancer.

Condividi su: