Italia, Paese degli agriturismi

Italia, Paese degli agriturismi

Nel 2016 aumenta il numero di strutture: superate le 22mila unità. +6,6% le presenze. Al Sud più aperture. Una su tre è condotta da donne. La ristorazione e la vendita dei prodotti enogastronomici sono un plus importante

Questo sito utilizza cookies per facilitare la navigazione del sito.
Se navighi su foodandtec.com, acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Consulta le Modalità di trattamento dei dati personali

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

09

Ottobre
2017

Prosegue anche nel 2016 il trend positivo del settore agrituristico, sia per il numero di strutture sia per le presenze e i Comuni con aziende del turismo rurale. Lo rende noto il Rapporto Istat nel precisare che nel 2016 le presenze dei clienti negli agriturismo crescono a 12,1 milioni (+6,6%) rispetto al 2015.

Nel 2016, i Comuni, nel cui territorio sono localizzate le aziende agrituristiche, sono 4.866, vale a dire 39 in più rispetto all'anno precedente (+0,8%). Le aziende agrituristiche autorizzate nel 2016, continua l'Istat, sono 22.661, (+1,9%) rispetto all'anno precedente. Tale incremento è dato dalla differenza tra le 1.275 nuove aziende e le 852 cessazioni. L'aumento numerico è più consistente nel Mezzogiorno del Paese (+6,3%) rispetto al Centro (+1,8%) e al Nord (+0,3%).

Più di un'azienda agrituristica su tre (36%) è a conduzione femminile. La maggiore concentrazione di aziende gestite da donne si rileva in Toscana. Si riconferma anche nel 2016 la tendenza a diversificare: 8.264 aziende svolgono contemporaneamente attività di alloggio e ristorazione


Condividi su: