Italia Olivicola è la prima organizzazione nazionale del settore

Italia Olivicola è la prima organizzazione nazionale del settore

CNO e UNASCO si fondono per dar vita al soggetto che riunisce tutti i produttori olivicoli italiani. Dalla xylella alle frodi, saranno tanti i problemi da affrontare

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

01

Ottobre
2018

Italia Olivicola è la prima organizzazione dell'olivicoltura italiana che nascerà dalla fusione tra CNO, il Consorzio nazionale degli olivicoltori e UNASCO, Unione nazionale dei produttori olivicoli. "Dopo anni di frammentazione che hanno indebolito il comparto - afferma in una nota il CNO - l'arrivo di questa nuova organizzazione è destinata a mettere insieme la stragrande maggioranza dei produttori olivicoli italiani e a rappresentarli in uno dei momenti più difficili di sempre". I produttori si trovano, infatti, a fronteggiare problemi quali "la Xylella, l'invasione di oli deodorati, gli attacchi al panel test e le continue frodi e contraffazioni che puntano ad indebolire il mercato dell'olio extravergine d'oliva 100% italiano".

A dirigere Italia Olivicola sono il Presidente Gennaro Sicolo e il Vice presidente Luigi Canino che presenteranno ufficialmente la nuova organizzazione il prossimo 9 ottobre, in un incontro dove è prevista la partecipazione del sottosegretario al Ministero delle Politiche Agricole, Alessandra Pesce e il Ministro per lo Sviluppo Economico e del Lavoro, Luigi Di Maio.

Il 10 ottobre gli olivicoltori parteciperanno all'Udienza generale del Santo Padre Francesco in Piazza San Pietro, a cui doneranno una selezione dei migliori oli extravergine d'oliva regionali.


Condividi su: