"Intolleranti verso l'intolleranza"

L'imprenditore Paolo Polegato della Astoria Wines avvia una campagna contro i ripetuti e abietti episodi di razzismo e violenze che hanno interessato tutto il Paese

Questo sito utilizza cookies per facilitare la navigazione del sito.
Se navighi su foodandtec.com, acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Consulta le Modalità di trattamento dei dati personali

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

02

Agosto
2018

Paolo Polegato, AD di Astoria Wines, casa vinicola veneta specializzata nella produzione e vendita di Prosecco Valdobbiadene DOCG, Prosecco Millesimato, Spumanti e vini prodotti nelle colline di Conegliano e Valdobbiadene, ha comprato una intera pagina di alcuni quotidiani nazionali, tra cui il Corriere della Sera, per metterci il volto di una ragazza nera con le labbra colorate di bianco, rosso e verde, accompagnata dalle parole “Intolleranti verso l’intolleranza”, con a chiudere la frase di Martin Luther King: “Può darsi che non siate responsabili per la situazioni in cui vi trovate, ma lo diventerete se non fate nulla per cambiarla”. Paolo Polegato è padre adottivo di due giovani colombiani.
    Di suo Polegato ha scritto:

"la violenza delle parole e dei fatti non è più tollerabile. Non rappresenta né l'Italia né gli italiani. Ora basta. Il rispetto della persona prescinde colore, genere e religione".

Polegato non è nuovo a posizioni progressiste: l'Astoria finanzia il Giro d'Italia ma anche il Gay Pride, quello dell'anno scorso di Treviso per esempio.
In una intervista rilasciata a Repubblica, afferma che "oltre alla motivazione personale, c'è anche quella di salvaguardare l'immagine aziendale e del Paese. All'estero l'Italia è percepita come un luogo che sta rapidamente scendendo verso il razzismo, e questo certamente danneggia l'aspetto economico di un'azienda come la nostra che esporta quasi il 40% di quello che produce".

 


Condividi su: