Insalata di nasello e uova con salsa alle acciughe

Insalata di nasello e uova con salsa alle acciughe

Un piatto freddo di grande personalità e dal gusto deciso

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

29

Luglio
2013

ricetta per quattro persone
difficoltà bassa
tempo di preparazione 20 minuti
tempo di cottura 20 minuti

INGREDIENTI

4 filetti di nasello (va bene anche quello già porzionato surgelato) • insalata iceberg o valeriana • 2 patate • 4 filetti di acciuga sott'olio • 1 cucchiaio di capperi sott'aceto • 4 uova • olio extravergine

Questa insalata è adatta a chi ama i sapori forti, perché la salsa di accompagnamento è veramente saporita. Se invece, come me, non li amate, potete sostituirla con la maionese (sarà più calorica, ma buonissima!).

Accendete il forno a 170° e una volta caldo, mettete i filetti di nasello con un filo di olio a cuocere per circa 10/15 minuti. Non salate.

Nel frattempo, fate cuocere le uova in un pentolino pieno di acqua, contando 7 minuti da quando l’acqua bolle.

In un altro pentolino mettete a cuocere anche le patate, pelate, lavate bene e tagliate a fette di circa mezzo cm di spessore.

In un frullatore mettete le acciughe, i capperi e un paio di cucchiai abbondanti di olio extravergine. Frullate finché otterrete una salsina. Lasciate da parte.

Sfornate il pesce e fate raffreddare.
Lo stesso fate con le uova sode. Una volta tiepide, spelatele e tagliatele in quattro spicchi.

Per le patate, una volta morbide ma non stracotte, mettetele ad asciugare su un foglio di carta assorbente.

A questo punto tutti i nostri ingredienti sono pronti e non vi resta che decidere se servire l’insalata in singole porzioni o in una insalatiera a centrotavola.

Comunque, mettete l’insalata come base, salandola pochissimo e condendola con un filo di olio. Adagiatevi sopra le fette di patata, i filetti di pesce e gli spicchi di uova.

Condite con la salsina, oppure lasciate che ogni ospite faccia da se, mettendo la quantità di condimento che desidera.

by Laura Antonini


Condividi su: