In Italia calano le vendite degli antibiotici veterinari

In Italia calano le vendite degli antibiotici veterinari

-17,2% rispetto al 2016. È online la relazione del MinSal ma, come sempre, fotografa un periodo datato: 2017 e 2018

Questo sito utilizza cookies per facilitare la navigazione del sito.
Se navighi su foodandtec.com, acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Consulta le Modalità di trattamento dei dati personali

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

22

Ottobre
2020

In concomitanza con la pubblicazione del X Rapporto annuale sulla Sorveglianza Europea delle vendite di medicinali veterinari contenenti agenti antimicrobici - Tenth ESVAC Report - predisposto dall’Agenzia Europea per i medicinali, è online anche la relazione contenente un'analisi e i trend delle vendite di antimicrobici in Italia, per il periodo di riferimento 2017-2018.

Italia, una situazione difficile

Ricordiamo che l'Italia lo scorso anno era fra i Paesi europei in cui è più massiccia la vendita di questi farmaci (la seconda peggiore in Europa: 1067,7 tonnellate vendute contro le 1770,4 della Spagna).
Sempre nel 2019, il nostro Paese era maglia nera per l'antimicrobico resistenza, detenendo il triste primato di decessi dovuti a infezioni causate da batteri resistenti agli antibiotici.

In base alle rilevazioni, si conferma comunque la tendenza alla diminuzione delle vendite totali, pari al 17,2% rispetto al 2016; una riduzione ancor più significativa se si considera il calo del 42% rispetto ai dati del 2010. Purtroppo però parliamo sempre di dati "vecchi" che si riferiscono ormai a tre e due anni fa.

La diminuzione è associata a una generale riduzione delle vendite della maggior parte delle classi terapeutiche: tetracicline, penicilline, sulfamidici, macrolidi e polimixine.

Un’attenzione particolare è rivolta a quelle classi di antibiotici considerate di importanza critica e incluse nella categoria B Restrict della categorizzazione AMEG (Antimicrobial Advice Ad Hoc Expert Group) e classificate tra gli Highest Priority Clinically Important Antimicrobials nella lista della World Health Organization (WHO), che rappresentano una piccola proporzione delle vendite totali (circa il 3%).

La riduzione più evidente è sicuramente quella relativa alle vendite per la classe delle polimixine (66% nel 2017 e 48.3% nel 2018) rispetto al 2016, per una riduzione totale dell’82% se si considera il periodo 2010-2018.
Altri cali significativi riguardano gli altri chinoloni, con un calo del 79% (rispetto all’anno 2011), i fuorochinoloni con una riduzione del 21,3% e le cefalosporine di terza e quarta generazione con un ribasso del 3,1% rispetto al 2016.
Si riscontra, infine, una contrazione del 18% delle vendite di agenti antimicrobici autorizzati in forme farmaceutiche impiegate per il trattamento di gruppo, attraverso la somministrazione in soluzioni (acqua di abbeverata, siero di latte, broda, ecc.), come mangimi medicati (premiscele) o il top dressing (polveri orali).

Secondo il Ministero della Salute, l’utilizzo del sistema informatizzato per la tracciabilità dei medicinali veterinari e dei mangimi medicati, con la ricetta elettronica veterinaria obbligatoria dal 16 aprile 2019 nel nostro Paese, "renderà più efficace il monitoraggio non solo delle vendite, ma soprattutto dell’effettivo consumo dei medicinali negli animali, permettendo di rinforzare le azioni di contrasto all’AMR".

Come leggere la relazione

L'Agenzia Europea per i medicinali avverte: "I dati presentati non dovrebbero essere utilizzati da soli come base per stabilire le priorità nella gestione del fenomeno dell’AMR, ma dovrebbero essere presi in considerazione anche dati aggiuntivi, come ad esempio dati sulla produzione di animali per Paese e sulla demografia animale, sui medicinali veterinari disponibili e altri fattori". Soprattutto, l’Agenzia raccomanda di "non utilizzare tali dati per confrontare direttamente i Paesi, poiché potrebbero essere necessarie informazioni e analisi più dettagliate".

Dati di vendita dei medicinali veterinari contenenti sostanze antibiotiche. Risultati del progetto ESVAC, Anni 2017 - 2018

L’EMA mette a disposizione un database interattivo ESVAC, accessibile agli operatori e a tutti i cittadini, che permette di conoscere i dati relativi alle vendite per specifici Paesi o per determinate classi di antimicrobici, così come personalizzare tabelle, mappe e grafici.


Condividi su: