Illy e JAB si alleano

Illy e JAB si alleano

La partnership esclusivamente commerciale con la società tedesca è finalizzata alla produzione e commercializzazione di capsule. Sul mercato a partire dal 2019

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

08

Ottobre
2018

Illycaffè ha appena annunciato un accordo di licenza con la tedesca Jab, la quale produrrà capsule in alluminio da caffè compatibili con Nespresso e le distribuirà in tutto il mondo mentre il marchio di italiano si occuperà della commercializzazione nella Penisola. Nella prima metà del 2019 si parte proprio dall'Italia e in parallelo in Francia, Germania e Spagna dove Illy è già presente, per poi proseguire un più ampio sviluppo all'estero.
La partnership ha un carattere commerciale e non prevede alcuno scambio azionario.

"Illy rimane un'azienda al 100% familiare e gestita da manager. Con Jab dimostriamo che è possibile fare accordi con grandi player senza essere comprati", ha sottolineato il CEO di Illycaffè Massimo Pogliani.

"Tutti vorrebbero comprarci", ha ammesso il Presidente Andrea Illy confermando che le banche d'affari propongono possibili acquirenti al gruppo italiano. Nè Illycaffè ha acquisizioni in vista. "Non intendiamo essere condizionati da questa fase di consolidamento del mercato del caffè. Continueremo a crescere organicamente e autofinanziati".

Illycaffè è stata di recente riorganizzata con la nomina dell'AD Massimo Pogliani, che è un manager esterno alla famiglia: "Ci stiamo preparando a una salto dimensionale - ha spiegato Illy -. Quando raggiungi la soglia di mezzo miliardo di fatturato per arrivare a un miliardo bisogna cambiare: è il motivo per cui ho fatto un passo indietro nominando Pogliani".
La società triestina non ha ambizioni di quotarsi in Borsa: "Abbiamo un modello di impresa, in mano alla famiglia da quattro generazioni, che prevede di essere autonomi e i nostri investimenti sono a lungo termine, non hanno una logica di breve termine. Se la nostra libertà fosse compromessa il giocattolo si romperebbe", ha sottolineato Andrea Illy.


Condividi su: