Il welfare aziendale di Nonno Nanni

Il welfare aziendale di Nonno Nanni

L’azienda veneta mette a disposizione dei dipendenti corsi di benessere posturale e sana alimentazione

Questo sito utilizza cookies per facilitare la navigazione del sito.
Se navighi su foodandtec.com, acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Consulta le Modalità di trattamento dei dati personali

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

17

Novembre
2020

Nonno Nanni, l’azienda trevigiana specializzata nella produzione di formaggi freschi, ha rafforzato il piano di welfare aziendale per i propri lavoratori. Dopo l’attivazione, lo scorso anno, del piano di Flexible Benefits che consente al dipendente di accedere a una piattaforma online per usufruire di diversi servizi dedicati alla persona e alla propria famiglia, Nonno Nanni ha messo in atto nuovi percorsi formativi indirizzati al benessere.

Il progetto formativo, gestito da GymHub, lo Spin-off dell’Università degli Studi di Padova Dipartimento di Medicina DIMED - Unipd.it, è iniziato a ottobre 2020 con la prima sessione dedicata al benessere posturale e lo svolgimento di esercizi pratici in azienda. L’insorgenza di dolori e patologie muscolo-scheletrici nell’ambiente di lavoro sono "fonte di notevole preoccupazione a livello nazionale e internazionale, per l’entità e per la gravità delle conseguenze che ne possono derivare. Il programma - spiega l'azienda in una nota - prevede un intervento mirato a educare e sensibilizzare l'uso di specifici esercizi fisici di tipo preventivo e compensativo e ridurre la sintomatologia nei lavoratori che già soffrono di patologie muscolo-scheletriche riconducibili alla vita lavorativa, in particolare della colonna lombare, cervicale, dell’arto superiore e dell’articolazione della spalla".

Il secondo progetto riguarda "l’educazione e la sensibilizzazione dei lavoratori agli effetti benefici di uno stile di vita salutare e di una corretta alimentazione. La motivazione al cambiamento è un processo molto complesso che si crea autonomamente attraverso la consapevolezza e il conseguente miglioramento", conclude l'azienda.


Condividi su: