Il vino Catarratto potrà chiamarsi Lucido

Il vino Catarratto potrà chiamarsi Lucido

C'è in Gazzetta Ufficiale il Decreto del Ministero delle Politiche agricole. La richiesta era stata avanzata dai produttori perché il nome in etichetta è scarsamente attrattivo

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

05

Dicembre
2018

Il nome scientifico è Vitis vinifera Catarratto e si riferisce a una delle varietà più antiche e caratteristiche di vitigno a bacca bianca della Sicilia. Le vigne sono coltivate ad alberello e danno uve dalla buona concentrazione aromatica. In Sicilia (la zona di elezione comprende Trapani, Erice e Marsala) sono presenti due diversi biotipi, il catarratto comune e il catarratto lucido. Il primo ha un grappolo alato e produce uve dal grado zuccherino piuttosto elevato, il lucido presenta grappoli dalla forma tendenzialmente cilindrica, con acini più piccoli.
Ne deriva un vino di colore giallo paglierino, con profumi di zagara, gelsomino, erbe aromatiche, agrumi e frutta bianca. Presenta una vivace acidità, temperata da note fruttate e da una nitida vena minerale. I vini prodotti con il catarratto lucido si distinguono per un profilo più delicato e fresco.

In Sicilia il catarratto comune è allevato su 16.659 ettari e il catarratto lucido su 14.125 ettari. Le due varietà rappresentano circa il 31,5% della superficie regionale vitata. La richiesta della variazione di utilizzo del sinonimo Lucido in etichetta era stata avanzata da diverse aziende vitivinicole che lamentavano il poco appeal del nome Catarratto, soprattutto in alcuni mercati esteri.
Lucido è uno dei nomi anticamente usati in Sicilia per identificare la varietà di questo tipo di vino. "Siamo orgogliosi dell'ufficialità arrivata dal Ministero - commenta Antonio Rallo, presidente del Consorzio di tutela vini DOC Sicilia -. Come Consorzio abbiamo cercato di dare voce ad una necessità manifestata non solo dai produttori della nostra denominazione, ma da tutta la Regione e per questo siamo felici di sapere che la misura sarà messa a disposizione di tutte le altre DOC e IGP della Regione Siciliana che producono Catarratto. In questo periodo è in discussione anche la modifica del nostro Disciplinare di Produzione che speriamo arrivi nel più breve tempo possibile".


Condividi su: