Il Tartufo di Acqualagna non sarà più esportato negli USA: embargo

Il Tartufo di Acqualagna non sarà più esportato negli USA: embargo "climatico"

La sfida viene lanciata direttamente al Presidente Trump che ha portato gli Stati Uniti fuori dagli accordi di Parigi: "Stagione avara per il tartufo, colpa degli effetti climatici", ha detto il sindaco. Così gli americani dovranno abituarsi a fare a meno del tartufo

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

24

Ottobre
2017

Il Comune di Acqualagna (Pesaro Urbino), patria del tartufo, sfida il presidente USA Donald Trump che ha deciso di uscire dall'accordo di Parigi sul clima.
"La crescita e la proliferazione del tartufo - dice il sindaco Andrea Pierotti - sono strettamente legate al clima e negli ultimi anni la situazione è andata peggiorando. Con l'uscita dall'accordo di Parigi Trump ha fatto sapere di non voler rispettare l'impegno a ridurre le emissioni inquinanti che provocano i cambiamenti climatici e che mettano a serio pericolo la gestione del patrimonio forestale e, di conseguenza, la produzione del tartufo che non riesce a svilupparsi nel periodo di maggiore accrescimento. Per questo chiederò ai commercianti di Acqualagna, che sono i maggiori esportatori di tartufo negli Usa, di interrompere la vendita. Trump non potrà più mangiare tartufo".
Di più: il Comune, cuore di un distretto che produce due terzi del totale nazionale del pregiato tubero, donerà un contributo simbolico al Green Climate Fund, fondo dell'Onu per sostenere i Paesi in via di sviluppo nella lotta al riscaldamento globale, al quale Trump ha smesso di contribuire.

Acqualagna è un vero e proprio giacimento tartufigeno, che produce quattro varietà di trifole nel corso dell'anno, una per stagione: il Tartufo Bianco Pregiato (Tuber Magnatum Pico), il Tartufo Nero Pregiato, il Bianchetto e il Nero Estivo.

Intanto la cittadina si prepara alla 52/a Fiera del Tartufo Bianco di Acqualagna che si terrà dal 29 ottobre in tutti i fine settimana fino al 12 novembre. Nel programma, oltre agli stand del tartufo, più 100 eventi tra degustazioni, show cooking di chef stellati come Mainardi, Hero, Canzian, Brandi, ma anche convegni, presentazioni di libri, concerti, iniziative per famiglie e bambini.
In apertura della manifestazione sarà presentato il progetto del Museo al Tartufo di Acqualagna, interattivo e multimediale.
In chiusura l'inaugurazione della casa natale-museo multimediale di Enrico Mattei, fondatore e presidente di Eni.


Condividi su: