"Il Natale che non ti aspetti" è nelle Marche

Sono in pieno svolgimento le iniziative dell’evento diffuso che ha il buon cibo e i mercatini artigianali grandi protagonisti. Da Frontone a Pesaro, da Gradara a Urbino tanti gli appuntamenti fino al 6 gennaio

Questo sito utilizza cookies per facilitare la navigazione del sito.
Se navighi su foodandtec.com, acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Consulta le Modalità di trattamento dei dati personali

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

11

Dicembre
2018

Assaggiare i prodotti tipici del territorio passeggiando tra i banchi dei mercatini di Natale: anche questo è “Il Natale che non ti aspetti”, l’evento diffuso coordinato da Comitato Unpli sezione provinciale di Pesaro e Urbino insieme alle pro loco e in collaborazione con Regione Marche e Provincia di Pesaro e Urbino per promuovere le tradizioni natalizie e i paesaggi tipici delle Marche.

Un calendario di iniziative, quelle legate a “Il Natale che non ti aspetti”, ogni settimana più ricco, che unisce nove realtà con un fil rouge comune: quello di fare da sfondo a mercatini di artigianato artistico e di prodotti tipici enogastronomici.

Candelara

Quello del 15 e 16 dicembre sarà l’ultimo fine settimana per poter organizzare un viaggio al mercatino di Candele a Candelara, festa dedicata alle fiammelle di cera che oltre a regalare magici istanti con gli spegnimenti programmati della corrente elettrica offre anche la possibilità di visitare il mercatino con tutti i suoi articoli prodotti in cera.
Ultimo weekend anche per i mercatini allestiti a Frontone  “Nel Castello di Babbo Natale”, con la musica itinerante degli Zampognari di Montefeltro e della Santa Claus Band ad allietare l’atmosfera insieme all’animazione dentro le mura del Castello medievale.
Alla ricerca di idee regalo originali dunque, come quelle che si possono trovare ai mercatini tematici che dal 9 dicembre al 6 gennaio saranno ospitati durante Pesaro nel cuore: dopo il mercatino artistico che si è concluso il 9 dicembre, dal 10 al 25 sarà allestito il mercatino di Natale e dal 26 al 6 gennaio il mercatino dell’Epifania.
Suggestione e mercatini anche a Gradara con il “Castello di Natale”: fino al 16 dicembre il tema conduttore sarà il Natale, mentre il 31 dicembre e il 1 gennaio ad allestire i mercatini per le strade del borgo saranno elementi di artigianato artistico.

Castello di Gradara

Artigianato artistico e prodotti tipici in mostra anche durante “Il Natale più” a Fano, che fino all’Epifania ospita il Chiostro dei Sapori nel Chiostro di San Marco e i tradizionali mercatini in piazza, per offrire idee regalo fatte a mano. Da non perdere, anche il Presepe di San Marco e Diorami nelle antiche cantine di Palazzo Fabbri e l’esposizione di sculture di sabbia in Piazza Amiani.
Sono invece i presepi i grandi protagonisti del Natale a Urbino fino al 6 gennaio: circa 200 opere di varia provenienza, misura e materiale, allestite in quattro punti principali della città, che faranno da cornice ai mercatini sotto i portici di Corso Garibaldi di alto artigianato artistico, mercatini storici e stand gastronomici con piatti della tradizione rinascimentale.
Saranno prevalentemente gastronomici e di manufatti artigianali i mercatini che anche in questo caso fino all’Epifania animano “Il Magico Natale” a Fossombrone, accompagnati da spettacoli di luce e laboratori creativi per grandi e bambini.
Ci sarà un mercatino - ma avrà l’aspetto di una grande festa diffusa con tanto cibo da condividere tra grandi e piccini - anche in occasione della Festa Nazionale della Befana di Urbania, che si terrà dal 4 al 6 gennaio. Saranno tanti i dolciumi distribuiti dalla simpatica vecchietta a tutti i bambini presenti e lanciati a piene mani dall’alto, dalla Befana che scenderà il 6 gennaio dalla Torre Campanaria.

Urbania

Per informazioni e programmi:
www.unplipesarourbino.it
Facebook @unioneprolocopesarourbino


Condividi su: