Il cibo sano ha un basso impatto ambientale

Il cibo sano ha un basso impatto ambientale

Uno studio delle Università di Oxford e del Minnesota dimostra che i cibi a bassa impronta ecologica sono anche i più raccomandati per la salute e il benessere. Con due sole eccezioni

Questo sito utilizza cookies per facilitare la navigazione del sito.
Se navighi su foodandtec.com, acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Consulta le Modalità di trattamento dei dati personali

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

04

Novembre
2019

Una dieta che fa bene alla Terra esiste e ha effetti positivi sulla salute, oltre che sul nostro pianeta: i cibi che hanno una bassa impronta ecologica, infatti, sono classificati come sani. Lo afferma una ricerca delle Università di Oxford e del Minnesota, coordinata da David Tilman, Department of Ecology, Evolution, and Behavior, University of Minnesota, pubblicata sulla rivista scientifica PNAS - Proceedings of the National Academy of Sciences of the United States of America.

Le scelte alimentari - premettono gli autori - sono una delle principali cause globali di mortalità e degrado ambientale e minacciano il raggiungimento degli Obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite e dell'accordo di Parigi sul clima. Perciò nello studio viene descritto come il consumo di 15 diversi gruppi alimentari sia associato a 5 esiti salutistici e 5 aspetti dell'impatto, scoprendo che gli alimenti associati a una migliore salute degli adulti hanno spesso anche un basso impatto ambientale. Questo assunto è valido con due eccezioni: il pesce, il cui consumo è meno sostenibile ma fa bene all'organismo; le bevande zuccherate, che hanno una ridotta impronta ecologica e delle quali è bene ridurne l'uso perché presentano rischi per la salute.

Quasi tutti gli alimenti associati a migliori risultati in termini di salute - cereali integrali, frutta, verdura, legumi, noci e olio d'oliva - hanno gli impatti ambientali più bassi. Allo stesso modo, gli alimenti con i maggiori aumenti dei rischi di malattie (principalmente carni rosse come carne di maiale, manzo, montone e capra) sono costantemente associati ai maggiori impatti ambientali.

"Gli alimenti che compongono la nostra dieta - ha commentato David Tilman - hanno un grande impatto sia su noi stessi che sul nostro ambiente. Questo studio dimostra che mangiare più sano significa anche mangiare in modo più sostenibile".

Questi risultati - auspicano gli autori - potrebbero aiutare i consumatori, i politici e le aziende food&beverage a comprendere meglio le molteplici implicazioni delle scelte alimentari per la salute e per l'ambiente.

Multiple health and environmental impacts of foods


Condividi su: