Il cartone ondulato va a scuola

Il cartone ondulato va a scuola

Bestack, il consorzio del cartone ondulato, promuove un concorso per le scuole primarie per sensibilizzare anche i più piccoli sul riciclo e la sostenibilità ambientale e la corretta alimentazione

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

17

Novembre
2016

Sono aperte fino al 30 novembre le iscrizioni al Concorso delle Buone Idee, un’iniziativa ludico didattica rivolta alle classi della scuola primaria di tutta Italia, nata con lo scopo di sensibilizzare alunni, insegnanti e genitori su una corretta alimentazione a base di frutta e verdura e sull’importanza delle risorse rinnovabili come il cartone ondulato.

Il concorso organizzato da Bestack, il consorzio non profit di ricerca dei produttori italiani di imballaggi in cartone ondulato per ortofrutta, vuole mettere in evidenza le caratteristiche del cartone ondulato, stimolando nei più piccoli un approccio critico sul materiale da imballaggio, sulla sua provenienza, il suo utilizzo e il suo corretto riciclo.

Il tema quest’anno è “Il cartone ondulato non si butta! Si ricicla!”: i piccoli “architetti e designer” sono chiamati a realizzare un’installazione colorata con questo materiale che rappresenti la correlazione fra utilizzo della carta e rispetto della natura.

Il progetto prevede un percorso educativo-informativo nelle scuole: in ogni classe che aderisce al progetto sarà organizzata una lezione introduttiva a cura del consorzio, durante la quale un tutor illustrerà a studenti e insegnanti l’importanza dell’utilizzo di materiali sostenibili per la salvaguardia dell’ambiente, fornendo anche informazioni e curiosità sul tema. Durante l’incontro sarà anche presentato lo sviluppo del concorso e verrà consegnato ai ragazzi il materiale per la realizzazione degli elaborati, senza alcun costo a carico delle scuole.

Il concorso è aperto alle classi terze, quarte e quinte della scuola primaria. È possibile comunicare la propria adesione inviando una mail a progettodellebuoneidee@bestack.com.

Per parlare ai ragazzi in modo simpatico e divertente, Bestack ha un testimonial speciale, nato dalla matita del cartoonist Ugo Berotti: si chiama Martina ed è una bambina specializzata nel parlare di sostenibilità ambientale.


Condividi su: