I ragazzi italiani consumano troppa caffeina

I ragazzi italiani consumano troppa caffeina

Una ricerca dell'Università degli Studi di Foggia afferma che quasi la metà dei giovani (12-19 anni) supera del 25% la dose massima giornaliera di caffeina. Peggio le ragazze dei ragazzi

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

08

Marzo
2018

Quasi metà degli adolescenti italiani consuma troppa caffeina, con le femmine che superano i maschi. Lo rivela una ricerca dell'Università degli Studi di Foggia condotta su un campione di oltre 1200 adolescenti pubblicata dalla rivista Acta Paediatrica dal titolo Nearly half of the adolescents in an Italian school-based study exceeded the recommended upper limits for daily caffeine consumption.

Lo studio è basato su questionari anonimi distribuiti in quattro scuole della città, in cui i ragazzi tra i 12 e i 19 anni dovevano indicare tipologia e quantità di bevande con caffeina consumate. Il 76% del campione ha dichiarato di consumare caffeina ogni giorno, con il caffè che è risultata la bevanda prevalente (lo prendono quotidianamente quasi nove studenti su dieci), seguita da soft drink (34,3%) e energy drink (2,3%). In media la quantità di caffeina assunta quotidianamente è risultata di 125,2 milligrammi tra i consumatori abituali, leggermente più alta per le ragazze (126,3 contro 124,1).

Il 46% del campione analizzato, sottolineano gli autori, supera la dose massima consigliata a questa età dall'Accademia dei pediatri USA, che è di 100 milligrammi. L'eccesso di questa sostanza è legato ad un aumento di nervosismo e agitazione in questa fascia d'età. "Questi risultati - commenta Angelo Campanozzi, coordinatore dello studio - potrebbero essere usati per realizzare una campagna di sensibilizzazione diretta a ridurre il consumo di caffeina tra gli adolescenti. Le abitudini alimentati sono sviluppate durante l'infanzia e l'adolescenza, e l'educazione ad un consumo limitato di caffeina è cruciale per ridurre possibili comportamenti sbagliati in età adulta".


Condividi su: