I fosfati possono aumentare la sedentarietà

I fosfati possono aumentare la sedentarietà

Lo afferma uno studio condotto negli USA: una dieta ricca di fosfati inorganici ha causato a delle cavie difficoltà nell'attività fisica e ridotte fonti di energia nei muscoli

Questo sito utilizza cookies per facilitare la navigazione del sito.
Se navighi su foodandtec.com, acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Consulta le Modalità di trattamento dei dati personali

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

09

Gennaio
2019

Gli additivi e i conservanti del cibo potrebbero contribuire alla sedentarietà: uno studio pubblicato sulla rivista Circulation mostra che i fosfati (presenti in moltissimi cibi, specie quelli confezionati) riducono la capacità di movimento in animali impoverendo i muscoli di energia e che un eccesso di fosfati nel sangue è associato a sedentarietà nell'uomo.

Lo studio è stato condotto da Wanpen Vongpatanasin della UT Southwestern Medical Center di Dallas che ha spiegato: "Non si dovrebbero mangiare più di 700 milligrammi di fosfati al giorno ma circa un terzo delle persone ne consuma quotidianamente 3-4 volte di più".
Sotto forma di polifosfati, i fosfati vengono ampiamente adottati dall’industria alimentare in qualità di additivi. Negli alimenti sono classificati con la sigla che va da E400 a E495. Vengono solitamente utilizzati come conservanti nei salumi, nella carne in scatola, nei cibi pronti surgelati e nelle bibite. Nei prodotti industriali di pasticceria vengono utilizzati come agenti lievitanti, mentre per carni e formaggi vengono impiegati come addensanti, per mantenerne la tonicità. A questo scopo vengono utilizzati in dosi relativamente elevate.

I ricercatori texani hanno visto che i topolini cui è stata somministrata una dieta molto ricca di fosfati inorganici hanno presentato, nell'arco di 12 settimane, difficoltà a fare attività fisica, ridotte fonti di energia nei muscoli e modifiche nel funzionamento di geni importanti per il metabolismo dei muscoli.

Inoltre gli esperti hanno studiato i livelli di fosfati nel sangue del campione afferente allo studio Dallas Heart Study e visto che maggiore era la concentrazione di questi composti nel sangue, più sedentari risultavano gli individui.

Data la pervasività di queste sostanze nell'industria alimentare, concludono i ricercatori, è auspicabile che ulteriori studi siano condotti in questo ambito.

High-Phosphate Diet Induces Exercise Intolerance and Impairs Fatty Acid Metabolism in Mice


Condividi su: