HAG e Splendid: un ultimo caffè in Italia

HAG e Splendid: un ultimo caffè in Italia

Dal 2019 lo stabilimento di Andezeno, in provincia di Torino, verrà chiuso e i lavoratori licenziati. JDE, multinazionale proprietaria dei marchi, sposterà la produzione in altre fabbriche europee del gruppo

Questo sito utilizza cookies per facilitare la navigazione del sito.
Se navighi su foodandtec.com, acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Consulta le Modalità di trattamento dei dati personali

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

10

Dicembre
2018

L'olandese Jacobs Douwe Egberts (JDE), proprietaria in Italia dei marchi Caffè Hag e Splendid acquistati nel 2015 dalla statunitense Mondelez, ha confermato la chiusura del sito produttivo di Andezeno, Torino, già preannunciata nel settembre scorso. La società ha aperto la procedura di licenziamento per tutti i 57 dipendenti, con conseguente cessazione delle attività dal 1 gennaio 2019. La produzione dei due marchi di caffè sarà trasferita nelle altre fabbriche europee del gruppo.

JDE è il secondo più importante gruppo caffeicolo al mondo (dopo Nestlè), nato nel 2014 dalla fusione delle attività dei gruppi Mondelez e D.E Master Blenders 1753. Il giro d’affari complessivo di JDE supera i 5 miliardi di euro su base annua e deriva dall'attività svolta in oltre 100 Paesi del mondo con posizioni di leadership in Europa, America Latina e Australia. Tra i suoi marchi più famosi Jacobs, Douwe Egberts, Tassimo, Moccona Senseo, L’Or, Kenco, Pilao e Gevallia.

Flai Cgil, Uila Uil e Rsu chiedono "l’immediato ritiro dell’apertura della procedura di licenziamento collettivo, di riaprire un tavolo sindacale per trovare soluzioni e risposte che prevedano il mantenimento dell’occupazione nell'unico stabilimento Splendid e Hag in Italia". "Negli ultimi anni - aveva spiegato a settembe la società con sede ad Amsterdam - la domanda di caffè tostato e macinato è continuata a calare in tutta Europa, a causa dello spostamento delle preferenze dei consumatori verso i nuovi e più pratici formati a capsule e cialde. Questo elemento ha creato problemi di sovracapacità all'interno del network produttivo europeo relativo al caffè tostato e macinato di JDE".

Una delegazione di lavoratori del caffè Hag e Splendid sarà al Parlamento Europeo, presente anche il Presidente Antonio Tajani "per denunciare l'ennesimo caso di delocalizzazione di uno stabilimento italiano all'estero". "In questi giorni in cui a Strasburgo si aprono i lavori dell'ultima plenaria dell'anno - sottolinea l'eurodeputato Alberto Cirio - offriremo a tutti un caffè amaro per denunciare l'ennesimo espatrio di uno storico marchio italiano. Vogliamo che l'Europa rifletta sull'importanza di tutelare i nostri marchi. Sradicare un brand storico dal luogo in cui è nato significa snaturarlo".

La delegazione di lavoratori è accompagnata dal Consigliere comunale di Chieri Rachele Sacco, saranno presenti anche alcuni rappresentanti dei lavoratori della ex Embraco.


Condividi su: