"Grandi Langhe 2020", si prepara la V edizione

Il 27 e il 28 gennaio ad Alba si degustano le nuove annate delle DOCG e DOC di Langa e Roero. L’evento, firmato dai Consorzi di Tutela, è dedicato agli operatori di settore. Aperte le iscrizioni

Questo sito utilizza cookies per facilitare la navigazione del sito.
Se navighi su foodandtec.com, acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Consulta le Modalità di trattamento dei dati personali

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

22

Ottobre
2019

Sono aperte le iscrizioni per partecipare a Grandi Langhe 2020, la due giorni di degustazione delle nuove annate di DOCG e DOC di Langhe e Roero in programma il 27 e il 28 gennaio ad Alba.
Da questa edizione, la quinta, l’evento diventa annuale e sarà sempre a fine gennaio. Organizzano i due Consorzi di tutela: il Consorzio del Barolo Barbaresco Alba Langhe e Dogliani e il Consorzio Tutela Roero.

Dal 2013, Grandi Langhe è un evento riservato agli operatori professionali: l’edizione 2019 ha registrato oltre 2000 ingressi di buyer, ristoratori, enotecari, sommelier, da oltre 30 Paesi europei ed extra europei.

Nel 2020 parteciperanno 200 cantine con oltre 1500 etichette in degustazione: si potranno assaggiare le nuove annate di Barolo 2016, Barbaresco 2017 e Roero 2017, e delle altre denominazioni di Langhe e Roero.

"Nel 2020, dopo aver giocato in casa con Grandi Langhe, presenteremo le nuove annate di Barolo e Barbaresco a New York - ha dichiarato il Presidente del Consorzio di Tutela Barolo Barbaresco Alba Langhe e Dogliani Matteo Ascheri -. Con il Barolo & Barbaresco World Opening BBWO porteremo infatti 200 produttori nel cuore di Manhattan per una grande degustazione dedicata alle Menzioni Geografiche Aggiuntive".

"Come Consorzio del Roero, il nostro focus per il 2020 sarà l’Italia: il 5-6 aprile i nostri produttori saranno alla Reggia di Venaria per i Roero Days", ha aggiunto il Presidente del Consorzio Tutela Roero Francesco Monchiero.

Grandi Langhe si terrà al Palazzo Mostre e Congressi, e gli spazi espositivi saranno suddivisi in base ai Comuni di provenienza delle cantine. Un’occasione per cogliere a fondo il valore delle Menzioni Geografiche Aggiuntive (MeGA) di Barolo, Barbaresco, Roero, Dogliani e Diano e di conoscere gli altri vini del territorio. Alle MeGA saranno anche dedicati dei seminari di approfondimento, condotti da Alessandro Masnaghetti.

È possibile accreditarsi direttamente sul sito www.grandilanghe.com. L’ingresso è riservato agli operatori professionali.


Condividi su: