G20 Health 2018

G20 Health 2018

Antimicrobico resistenza e obesità infantile sono stati fra i temi approfonditi al summit che si è svolto a Mar del Plata, in Argentina

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

11

Ottobre
2018

Il 3 e 4 ottobre 2018 si è tenuto il G20 Health 2018 che ha visto, a Mar del Plata, la partecipazione di Ministri e altri rappresentanti dei venti Paesi e delle principali organizzazioni internazionali del settore della salute: Commissione Europea, WHO, FAO, OIE, OCSE, UNEP, WB, Global Fund.

Sono stati trattati quattro temi di interesse generale e di grande attualità:

  • antimicrobicoresistenza
  • obesità infantile
  • rafforzamento dei sistemi sanitari
  • preparazione alla gestione delle emergenze epidemiche

Su questi argomenti i partecipanti hanno espresso, nella sessione Plenaria, le posizioni dei propri Paesi e proposto le iniziative che i Ministri dei Paesi G20 possono avviare o consolidare prestando attenzione anche a una prospettiva di genere.
L’Italia è stata rappresentata dal Segretario Generale del ministero della Salute, Giuseppe Ruocco, che dopo aver contribuito alla predisposizione della Dichiarazione, è intervenuto nella Plenaria: nel suo discorso ha riaffermato l’importanza che l’Italia assegna al sistema sanitario universale ricordando come il nostro SSN celebri proprio quest’anno il 40° anniversario dalla sua istituzione e come il nostro Paese confermi l’importanza di tale organizzazione che deve essere sostenuta e modernizzata costantemente.

Il Segretario Generale si è soffermato sulle modalità per affrontare una grande emergenza dei nostri giorni: il problema dell’obesità infantile, per le quali l’Italia "propone di intervenire attraverso azioni che possono riassumersi - ha affermato Ruocco - nelle parole investimenti, innovazione, inclusione: investimenti in prevenzione e promozione di corretti stili di vita, effettuati anche con strategie innovative che prevedono un ruolo attivo e responsabile di tutti i portatori di interessi, e assicurando l’inclusione dei cittadini nelle scelte di salute che li riguardano".

La parte principale dell’intervento italiano è stata dedicata al problema dell’antimicrobicoresistenza: il Segretario generale ha sottolineato le potenzialità di una forte e continua collaborazione internazionale attraverso network di informazioni, dati e risorse diagnostiche, il monitoraggio dell’uso (e abuso) degli antimicrobici, il supporto alla ricerca di nuovi farmaci e altri mezzi per affrontate la problematica, lo scambio di best practice non solo nel settore  sanitario, considerando il ruolo di molti altri ambiti (quali agricoltura, ambiente, veterinaria) nello sviluppo e gestione del problema, nel quadro del Piano globale dell’OMS.

Al termine del vertice è stata approvata una dichiarazione congiunta - Declaration G20 Meeting of Health Ministers, October 4th 2018, Mar del Plata, Argentina - con la quale i rappresentanti dei 20 Paesi più sviluppati si sono impegnati a collaborare fra loro e a sostenere Paesi con economia meno avanzata, al fine di raggiungere risultati tangibili per uno sviluppo globale e sostenibile. Il documento finale sarà portato all’attenzione dei Capi di Stato e di Governo del G20, che si incontreranno a Buenos Aires il 30 novembre e 1° dicembre prossimi.


Condividi su: