Fuoricasa: insufficiente il personale qualificato

Fuoricasa: insufficiente il personale qualificato

Secondo FIPE sono 50mila le figure professionali mancanti per la stagione estiva in corso. Cercansi cuochi, camerieri e baristi

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

01

Agosto
2018

Per la ristorazione italiana, l'estate 2018 non è positiva vista l'affannosa ricerca di personale qualificato. Lo rende noto la Federazione italiana pubblici esercizi (FIPE) sulla base dell'analisi Excelsior-Unioncamere. Calcoli alla mano, per la stagione in corso mancano all'appello circa 50mila cuochi, camerieri e baristi a causa dell'inadeguatezza dei profili professionali e per la mancanza delle competenze necessarie a ricoprire i ruoli richiesti nei pubblici esercizi di tutta Italia, da Nord a Sud.

Nello specifico, secondo i dati elaborati da FIPE, tra giugno e agosto servirebbero 27.310 camerieri, 14.153 cuochi, 4.032 baristi, 988 gelatai e 485 pizzaioli.

"Dalle elaborazioni del nostro ufficio studi - afferma il direttore generale FIPE Roberto Calugi - emergono con chiarezza le difficoltà delle nostre imprese di trovare personale qualificato, in particolare quando si tratta di gestire l'intensificazione dell'attività dovuta alla stagione estiva".

Il grosso problema, di difficile soluzione, è rappresentato da una domanda che varia in modo importante col variare del calendario.


Condividi su: