Frutta e verdura contengono molecole anti invecchiamento

Frutta e verdura contengono molecole anti invecchiamento

Si chiamano senolitici e uccidono le cellule senescenti. L'INRCA di Ancona ha avviato un progetto per isolare queste sostanze contenute negli alimenti

Questo sito utilizza cookies per facilitare la navigazione del sito.
Se navighi su foodandtec.com, acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Consulta le Modalità di trattamento dei dati personali

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

23

Ottobre
2018

La frutta e la verdura contengono delle molecole che, ad alte dosi, sembrano in grado di rallentare l'invecchiamento e contrastare le malattie correlate, dalla demenza all'osteoporosi. Sono i senolitici e stanno alla base di una ricerca italiana che ha l'obiettivo di isolare quelli più efficaci e sicuri da testare sull'uomo. Condotto dai ricercatori Marco Malavolta e coordinato da Mauro Provinciali dell'Istituto Nazionale Riposo e Cura Anziani di Ancona, è uno dei molti progetti di ricerca in corso presso l'Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico. "Abbiamo per il momento programmato uno studio della durata di tre anni (2018-20) - afferma Provinciali -. L'obiettivo è intraprendere una sperimentazione clinica con uno o più di questi senolitici su anziani con malattie croniche a partire dal 2020".

I senolitici - molecole presenti principalmente in fragole, mele, agrumi, uva rossa, mirtilli, cachi; verdura, come pomodori, asparagi, cipolle e cetrioli; olii vegetali e cereali, sono capaci di eliminare le cosiddette cellule senescenti, che si accumulano nell'organismo con l'età e che hanno un ruolo di primo piano in molte malattie dell'invecchiamento, ad esempio l'Alzheimer.

L'idea, che ha avuto successo in studi su animali, è che, eliminando le cellule senescenti somministrando senolitici, le malattie cronico-degenerative degli anziani possano essere tenute sotto controllo o guarite.

"Lo studio INRCA prevede in questa fase di selezionare nuovi senolitici, concentrando la nostra attenzione su composti precedentemente studiati come anti-tumorali e in grado di riattivare alcuni meccanismi di morte cellulare spenti nelle cellule senescenti", spiega Malavolta. "Il nostro sogno - conclude - è scoprire i senolitici migliori, efficaci, ad ampio spettro e sicuri per il paziente".


Condividi su: