Food Bunker, la scuola per appassionati e professionisti

Food Bunker, la scuola per appassionati e professionisti

Apre nella bassa Tuscia Viterbese, tra Roma e Nepi, uno spazio dedicato alla cucina italiana che propone percorsi di formazione amatoriale e corsi di specializzazione professionale per chi aspira a diventare cuoco

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

04

Gennaio
2018

Nella Tuscia Viterbese, terra delle nocciole, dei marroni e dell'olio di qualità, apre Food Bunker, scuola di formazione per appassionati di cucina e aspiranti chef.
Ad inaugurare il nuovo polo della formazione, l'11 gennaio al Km 36,400 della Cassia Veientana tra Roma e Nepi, Stefano De Vincenti, giovane imprenditore che ha deciso di riconvertire i luoghi delle precedenti attività familiari, trasformando un capannone industriale in uno spazio ecosostenibile, a basso consumo energetico.

"Grazie al nostro corpo docenti formato da chef e pasticceri di grande esperienza - spiega De Vincenti - Food Bunker propone corsi di formazione amatoriali e corsi di specializzazione per tutti coloro che desiderano intraprendere la carriera di cuoco: Food Bunker vuole essere un luogo aperto, che si rivolge a chiunque ami la cucina".

Un ''approccio responsabile e sano nei confronti del cibo e dei metodi di lavorazione'' caratterizza il progetto didattico. In calendario si alterneranno ampi cicli di lezioni tematiche di base, come il corso di cucina con lo chef Salvo Cravero e quello di pasticceria con il maestro Salvo Leanza, e corsi intensivi della durata di uno, due o tre giorni su focus tematici come "I primi della tradizione romana", "Impariamo a fare il risotto", "50 sfumature di Carbonara", "I secondi di pesce, tradizionali e gourmet", "La colazione classica e di tendenza", "Biscotteria fine", "Dolci internazionali".

Tra i docenti già confermati troviamo Paolo Trippini (Ristorante Trippini a Civitella del Lago e La Badia a Orvieto) e i pasticceri Omar Busi e Luca Mannori.


Condividi su: