Food & Beverage, i consumi salgono del 3,2%

Food & Beverage, i consumi salgono del 3,2%

I dati Nomisma presentati a Cibus testimoniano un aumento del giro d’affari che nel 2017 ha toccato i 244 miliardi di euro. Nella Distribuzione Organizzata vanno fortissimo i prodotti biologici a marchio

Questo sito utilizza cookies per facilitare la navigazione del sito.
Se navighi su foodandtec.com, acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Consulta le Modalità di trattamento dei dati personali

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

10

Maggio
2018

Sono tornati a crescere i consumi degli italiani nel food & beverage: aumentano in valore del 3,2% per un totale di 244 miliardi di euro, di cui 160 miliardi tra le mura domestiche e 84 miliardi fuori casa. Questi sono i dati presentati a Cibus, durante il convegno organizzato da Confagricoltura, da Emanuele Di Faustino, analista Nomisma. L’incontro è stato curato da Agronetwork, l’associazione per i progetti dell’agroindustria costituita da Confagricoltura, Nomisma e Università LUISS per porre nuove basi nei progetti e nei rapporti di filiera, e ha riunito gli imprenditori agricoli a Parma per presentare i prodotti innovativi freschi e freschissimi alla Distribuzione Moderna.

Nella sua relazione, Emanuele Di Faustino ha descritto il mercato e i driver di sviluppo, precisando che l'incremento del giro d’affari 2017 a valori correnti rispetto al 2016 è pari al 3,3% a livello totale.
Nel caso dei consumi domestici la crescita è del 2,2%, mentre per il fuori casa la percentuale d’incremento è più importante: +5,4%.
Il consumatore italiano sembra meno attratto dalle promozioni: continuano a scendere gli acquisti in sconto (30,6% nei primi sei mesi del 2017) che, pur rimanendo significativi nel carrello della spesa, sono lontani dai livelli pre-crisi (22%).

Secondo l'analisi Nomisma oggi la GDO investe sempre più in referenze ad alto valore aggiunto, con prodotti ad elevato contenuto salutistico o di servizio saliti al 25% rispetto al 15% di 3 anni fa, ed è meno focalizzata nei beni di prima necessità.

Una vera e propria impennata si registra nei prodotti biologici a marchio dell'insegna distributiva, con, secondo l'Osservatorio Bio Nomisma, ben 22 catene con referenza a marchio bio.
Per quanto riguarda le referenze a più alto contenuto di servizio, un particolare sviluppo (+30%) si registra nei salumi affettati a marchio, percentuale che sale al 58% nell'ortofrutta di quarta gamma.


Condividi su: