Fondo ristorazione, al via le domande

Fondo ristorazione, al via le domande

Dal 15 al 28 novembre si presentano le richieste dei contributi a fondo perduto per l'acquisto di prodotti agroalimentari italiani

Questo sito utilizza cookies per facilitare la navigazione del sito.
Se navighi su foodandtec.com, acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Consulta le Modalità di trattamento dei dati personali

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

16

Novembre
2020

Via libera alla presentazione delle domande per ottenere il fondo ristorazione. Dal 15 fino al 28 novembre 2020 ristoranti, agriturismi, mense, catering, alberghi, potranno richiedere il contributo a fondo perduto, per un minimo di 1.000 e un massimo di 10.000 euro, per l'acquisto di prodotti delle filiere agricole e alimentari, anche DOP e IGP, inclusi quelli vitivinicoli, valorizzando così la materia prima dei territori.
A disposizione del fondo 600 milioni di euro.

Le domande si presentano dal sito www.portaleristorazione.it (o andando in un ufficio postale) con le fatture degli acquisti effettuati da agosto 2020 in poi di prodotti agroalimentari italiani e vitivinicoli. Dopo un primo controllo sarà versato in automatico un anticipo del 90% degli acquisti effettuati. Verificata la documentazione, saranno emessi i bonifici a saldo del contributo concesso.

Il Fondo Ristorazione è stato reso operativo con il Decreto del 27 ottobre 2020 "Criteri e modalità di gestione del Fondo per la filiera della ristorazione istituito ai sensi dell'articolo 58 del decreto-legge 14 agosto 2020, n. 104, convertito, con modificazioni, dalla legge 13 ottobre 2020, n. 126. (20A06146)".
Possono accedere al contributo le imprese con codice ATECO prevalente definito dal Decreto Ministeriale dichiaranti che l'ammontare del fatturato e dei corrispettivi medi dei mesi da marzo a giugno 2020 sia inferiore ai tre quarti dell'ammontare del fatturato e dei corrispettivi medi dei mesi da marzo a giugno 2019. Questo criterio non si applica alle aziende che hanno avviato l'attività a decorrere dal 1° gennaio 2019.
I codici ATECO prevalenti previsti da Decreto sono i seguenti:

  • 56.10.11 - ristorazione con somministrazione;
  • 56.29.10 - mense;
  • 56.29.20 - catering continuativo su base contrattuale;
  • 56.10.12 - attività di ristorazione connesse alle aziende agricole;
  • 56.21.00 - catering per eventi, banqueting;
  • 55.10.00 – alberghi, limitatamente alle attività autorizzate alla
    somministrazione di cibo.

La data di presentazione della domanda non dà diritto ad alcuna
precedenza sulla erogazione del contributo.

Photo by: Sheila Pedraza Burk 


Condividi su: