Focolai di origine alimentare: primato Salmonella

Focolai di origine alimentare: primato Salmonella

Nel 2018 quasi un focolaio su tre di origine alimentare nell’Unione europea è stato causato da Salmonella. Lo afferma il rapporto sulle tendenze e fonti di zoonosi pubblicato dall’EFSA e dal ECDC

Questo sito utilizza cookies per facilitare la navigazione del sito.
Se navighi su foodandtec.com, acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Consulta le Modalità di trattamento dei dati personali

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

12

Dicembre
2019

Il 12 dicembre 2019 l'Autorità europea per la sicurezza alimentare, insieme al Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie, ha pubblicato The European Union One Health 2018 Zoonoses Report dove si evince che nel 2018 gli Stati membri dell'UE hanno segnalato 5 .146 focolai di origine alimentare che hanno colpito 48.365 persone. Da specificare che un focolaio di malattia di origine alimentare si verifica quando almeno due persone contraggono la stessa malattia consumando lo stesso alimento o bevanda contaminati.

La Slovacchia, la Spagna e la Polonia rappresentano il 67% dei 1.581 focolai di Salmonella. Tali focolai erano riconducibili principalmente al consumo di uova.

La salmonellosi è stata la seconda infezione gastrointestinale più comunemente segnalata nell'uomo nell'UE (con 91.857 casi segnalati), dopo la campilobatteriosi (246.571 casi).

"I risultati del nostro ultimo Eurobarometro mostrano che meno di un terzo dei cittadini europei classifica le intossicazioni alimentari da batteri tra le cinque principali preoccupazioni in materia di sicurezza alimentare. Il numero di focolai segnalati - ha commentato Marta Hugas, direttore scientifico EFSA - suggerisce che ci sia spazio per sensibilizzare i consumatori in quanto molte malattie di origine alimentare possono essere prevenute migliorando le misure igieniche durante la manipolazione e preparazione degli alimenti."

Preoccupano il virus del Nilo occidentale e le infezioni da STEC

L'aumento di gran lunga maggiore nel 2018 ha riguardato il numero di infezioni da virus del Nilo occidentale. I casi di questa malattia zoonotica, provocata da un virus trasmesso dalle zanzare, sono stati sette volte superiori a quelli del 2017 (1.605 contro 212) e hanno travalicato tutti i casi segnalati tra il 2011 e il 2017.

"I motivi del picco del 2018 non sono ancora del tutto chiari. È stato evidenziato che fattori come la temperatura, l'umidità o le precipitazioni influenzano l'attività stagionale delle zanzare e possono aver avuto un ruolo. Pur non potendo prevedere l'intensità delle prossime stagioni di trasmissione - ha dichiarato Mike Catchpole, direttore scientifico ECDC - sappiamo che il virus del Nilo occidentale circola attivamente in molti Paesi dell'Unione europea, colpendo esseri umani, cavalli e uccelli. L'ECDC sta intensificando l’assistenza ai Paesi negli ambiti della sorveglianza, della preparazione, della comunicazione e del controllo dei vettori."

La maggior parte delle infezioni da virus del Nilo occidentale contratte localmente sono state segnalate da Italia (610), Grecia (315) e Romania (277). La Cecenia e la Slovenia hanno segnalato i primi casi sin dal 2013.

Negli ultimi anni l'Italia e l'Ungheria hanno inoltre registrato un numero crescente di focolai di virus del Nilo occidentale in cavalli e altre specie equine.

L' E. coli produttore di tossina Shiga (STEC) è diventata la terza causa più comune di zoonosi di origine alimentare con 8.161 casi segnalati, sostituendo la yersiniosi con un aumento del 37% rispetto al 2017. Ciò può essere in parte spiegato con il crescente utilizzo di nuove tecnologie di laboratorio, che facilitano l'individuazione di casi sporadici.

Il numero di persone affette da listeriosi nel 2018 è simile a quello del 2017 (2 549 nel 2018 contro i 2 480 dell'anno precedente). Ad ogni modo la tendenza negli ultimi dieci anni è stata al rialzo.

Tra le malattie zoonotiche oggetto della relazione i casi di listeriosi rappresentano la più alta percentuale di ricoveri ospedalieri (il 97%) e il più alto numero di decessi (229), il che la rende una delle più gravi malattie veicolate da alimenti.

La relazione contiene anche dati su Mycobacterium bovis, Brucella, Yersinia, Trichinella, Echinococcus, Toxoplasma, rabbia, Coxiella burnetii (febbre Q) e tularemia.


Condividi su: