Vino sostenibile: verso uno standard internazionale

Vino sostenibile: verso uno standard internazionale

Nasce la coalizione Sustainable Wine Roundtable. Tra i 46 fondatori l'italiana Equalitas

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

17

Settembre
2021

Definire un unico standard di sostenibilità globale per il settore vitivinicolo: è l'obiettivo di SWR, Sustainable Wine Roundtable, la nuova coalizione internazionale composta da 46 organizzazioni di grandi e piccoli produttori, distributori, rivenditori, organizzazioni ambientaliste.

Basandosi sui parametri adottati dai singoli Paesi, SWR svilupperà un modello di riferimento definendo il concetto di sostenibilità e su come possa essere implementata e misurata.
Si tratta di una guida su come avviare le aziende vitivinicole in un percorso di crescente sostenibilità, oltre ad aiutare produttori e consumatori a orientarsi tra i vari marchi e dichiarazioni di qualità ecologica. Diversi gruppi di lavoro metteranno a punto best practices e strumenti operativi in un'ottica sostenibile delle produzioni, aumentarne la consapevolezza collettiva e collegare la filiera.

Tra le organizzazioni che hanno contribuito al progetto, c'è Equalitas, la società italiana controllata da Federdoc che ha sviluppato un protocollo di certificazione della sostenibilità della filiera vitivinicola basato sulle più innovative acquisizioni scientifiche e metodologiche. Si tratta di uno standard riconosciuto a livello internazionale, perché unisce in un solo strumento la dimensione ambientale, socioeconomica e alcuni valori etici, come il rispetto delle pari opportunità di genere e il rifiuto di ogni discriminazione.

" È un'iniziativa necessaria per evitare duplicazioni nelle certificazioni internazionali per le aziende vinicole - spiega Riccardo Ricci Curbastro, presidente di Equalitas e di Federcoc - alla quale vogliamo contribuire per favorire una maggiore armonizzazione dei protocolli di sostenibilità su scala internazionale, semplificando gli oneri amministrativi delle nostre imprese esportatrici". 

Photo by: Markus Winkler


Condividi su: