Feste a tavola: il 30% dei prodotti viene da imprese al femminile

Feste a tavola: il 30% dei prodotti viene da imprese al femminile

Confagricoltura ha calcolato che quasi un prodotto su tre di quelli consumati a Capodanno proviene da attività agroalimentari gestite da donne

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

02

Gennaio
2015

La presidente di Confagricoltura Donna, Marina Di Muzio fa sapere che oltre il 30% di quanto si è servito in tavola a Capodanno è prodotto dalle aziende agricole condotte da donne. Il riferimento va a spumanti, frutta, verdura, formaggi e carni, ma anche a vischio, abeti, ciclamini e stelle di Natale. Quando si fanno gli acquisti per imbandire la tavola, secondo Confagricoltura Donna occorre fare attenzione e comprare frutta e verdura italiane e di stagione: agrumi, kiwi, pere, mele e meloni tra la frutta e broccoli, cavoli, carciofi, funghi, zucca e radicchio per le verdure.

''Le donne fanno tantissimo sul piano dell'agricoltura'' - afferma Di Muzio - dal 2000 a oggi c'è stata una crescita quantitativa e qualitativa del lavoro delle donne nel settore primario".
Attualmente ci sono 230 mila aziende a conduzione femminile che muovono un giro d'affari di 60 miliardi di euro all'anno. Nonostante ciò, sempre secondo l'associazione di categoria, in Italia si sente ancora forte la necessità di avere leggi e misure a sostegno dell'imprenditoria femminile agricola.


Condividi su: