Federalimentare al Governo:

Federalimentare al Governo: "Si punti anche sull'alimentare"

"L'agricoltura produca materia prima di qualità, a prezzi accessibili e che sia sostenibile"

Questo sito utilizza cookies per facilitare la navigazione del sito.
Se navighi su foodandtec.com, acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Consulta le Modalità di trattamento dei dati personali

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

19

Febbraio
2021

Come tutte le associazioni e federazioni industriali e datoriali, anche Federalimentare ha espresso il suo commento circa il discorso programmatico tenuto da Mario Draghi al Senato in occasione della richiesta della fiducia, ottenuta a larghissima maggioranza.

Non solo Covid

Dopo aver plaudito la formazione del nuovo Governo, Ivano Vacondio, presidente di Federalimentare, ha voluto precisare che "Oltre l’emergenza pandemica che colpisce e ha già duramente colpito il nostro comparto, ci sono altre battaglie fondamentali dove in gioco è il nostro made in Italy". In primis, dunque, un appello per la questione più urgente, il recovery fund: "È necessario che anche il nostro settore sia considerato e inserito all'interno del recovery" ha detto il presidente.
"Poi - ha aggiunto Vacondio - sono certo che, come già accaduto con i precedenti governi, troveremo appoggio dal governo Draghi per le nostre battaglie: in Europa quella contro il Nutriscore, nel mondo difendendo il nostro Paese in sede codex alimentarius".

La sostenibilità. Degli altri

"L'agricoltura è un settore strategico e la pandemia ce l'ha dimostrato ancora di più. Abbiamo bisogno di un sistema agricolo forte, che produca materia prima di qualità e a prezzi accessibili, che si comporti in maniera sempre più sostenibile - ha affermato Vacondio - così da essere una delle protagoniste della transizione ecologica".
"Gli attori dell'industria alimentare - ha continuato il presidente Vacondio - non possono che essere d'accordo con la visione di Draghi perché l'agricoltura italiana è sicuramente una tra le fonti importanti per la produzione delle nostre eccellenze. Naturalmente, però, non è la sola: per produrre i nostri prodotti sarà importante mettere in campo anche altre azioni come gli accordi bilaterali con altri Paesi, che ci permettono di sostenere e sviluppare adeguatamente il nostro export, approvvigionarci di alcune materie prime, di cui l'Italia è deficitaria, e tutelare le nostre aziende, i luoghi dove i prodotti agricoli sono valorizzati e in cui risiede tutto il saper fare per produrre il cibo italiano famoso in tutto il mondo".

"Se oggi il food&beverage italiano è riconosciuto come eccellenza nel mondo è grazie ai nostri prodotti trasformati - ha concluso Vacondio -, eccellenze che hanno fatto registrare un fatturato nel 2020 di circa 142 miliardi (a fronte dei 55 miliardi circa del settore primario) e che a livello di export contano per l'82%, contribuendo a dare il segno positivo, quest’anno per la prima volta, alla bilancia agroalimentare. Per tutte queste ragioni siamo sicuri di trovare nel Governo un interlocutore adatto e pronto ad ascoltare il secondo settore manifatturiero del Paese".

Da Federalimentare, non una parola sulla transizione ecologica e sulla sostenibilità ambientale della seconda industria del Paese.


Condividi su: