Export vino: 2,91 miliardi nel primo semestre

Export vino: 2,91 miliardi nel primo semestre

Il giro d'affari nell'anno della pandemia cala del 3,4% sul 2019 ma pareggia il 2018. Tengono i mercati europei e USA

Questo sito utilizza cookies per facilitare la navigazione del sito.
Se navighi su foodandtec.com, acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Consulta le Modalità di trattamento dei dati personali

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

11

Settembre
2020

L'Osservatorio Qualivita Wine ha elaborato i dati ISTAT sulle esportazioni vino nei primi sei mesi del 2020: dal rapporto emerge che il giro d'affari ha raggiunto quota 2,91 miliardi di euro, un risultato che segna un -3,4% rispetto all’analogo periodo 2019, anno record in cui per la prima volta si erano superati i 3 miliardi di euro di export nei primi sei mesi. Il primo semestre 2020, quindi, ha registrato livelli di export simili al 2018 (per un -0,4% rispetto ai 2,92 miliardi 2018) e decisamente superiori a quelli del 2017 (con un +3,3% rispetto ai 2,82 miliardi del 2017).

Il risultato è frutto di andamenti contrapposti fra il primo e il secondo trimestre dell’anno: il 2020 era iniziato in maniera estremamente positiva rispetto al già ottimo 2019, con un +6,2% nel primo trimestre (1,53 miliardi nei primi tre mesi 2020 rispetto a 1,44 nel 2019), mentre dal mese successivo si sono iniziati a sentire in maniera più forte gli effetti dell’emergenza Covid-19 con un calo delle esportazioni (aprile -6,0%, maggio -24,2%, giugno -4,3%) per un risultato complessivo del -12,1% nel secondo trimestre (1,29 miliardi nel 2020 rispetto a 1,58 miliardi nell’analogo periodo 2019).

Le difficoltà sono state riscontrate soprattutto nei mercati asiatici (-21,4%), mentre hanno retto meglio i Paesi di Europa (-2,0%) e America (-1,0%).

Fra i principali mercati di destinazione, gli Stati Uniti hanno segnato un -1,7% mentre la Germania ha mantenuto livelli stabili (+0,3%), ma a seguire Regno Unito e Svizzera hanno avuto significativi cali, rispettivamente del -9,6% e del -9,8%. Conferma un trend particolarmente positivo la Francia (+9,0%), pari al +19% rispetto al primo semestre 2018 e addirittura +34% rispetto allo stesso periodo 2017, i Paesi Bassi (+12,1%) e la Norvegia (+14,8%).

Fra i mercati Extra-UE male soprattutto Giappone (-16,5%), Russia (-11,4%) e Cina (-41,7%), con quest’ultima che torna a coprire una fetta dell’export vinicolo italiano molto ridotta (1,3%).

Volumi

In termini di quantità l’export made in Italy del primo semestre è calato solo del –0,4% rispetto allo stesso periodo 2019, il che evidenzia un generale calo dei prezzi medi. In particolare in Europa e in America le quantità esportate sono state superiori rispetto al 2019 (rispettivamente del +1,3% e del +0,4%), a fronte di un pur contenuto calo dell’export in valore.
Crollo anche in termini di quantità, invece, per le esportazioni in Asia (-21,0%).


Condividi su: