"EU soya declaration"

L'Unione europea vuole creare una filiera comune per la produzione di soia OGM-free. La ratifica durante il Consiglio dei ministri dell'agricolutra in programma a luglio

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

21

Giugno
2017

Creare una filiera per la produzione europea di soia, in particolare quella non OGM: questo è l'impegno che si preparano a sostenere i ministri dell'Agricoltura dell'UE con una dichiarazione comune sulla quale si sta lavorando, che verrà sottoscritta in occasione del Consiglio dei ministri dell'agricoltura il 17 e 18 luglio a Bruxelles.

Sull'iniziativa, Germania e Ungheria hanno già avanzato alcune proposte per sostenere lo sviluppo di una strategia comune, e per la trasformazione e la commercializzazione di soia prodotta in maniera sostenibile.

La EU soya declaration punterà almeno a tre obiettivi. In primo luogo ridurre la dipendenza dalle importazioni dai Paesi terzi che supera il 90% del fabbisogno europeo. Basti pensare che tra il 2013 e il 2015 l'Unione ha importato l'equivalente di circa 36,1 milioni di tonnellate di soia l'anno.
In secondo luogo, l'UE vuole avere a disposizione soia OGM-free per sviluppare la propria produzione biologica.
Infine si ritiene che un piano di sviluppo di piante proteiche possa avere un impatto positivo sia sui terreni agricoli sia sull'ambiente.


Condividi su: