Etichetta vino: bocciata l'e-label

Etichetta vino: bocciata l'e-label

La Commissione europea rigetta la proposta presentata lo scorso marzo dai produttori di vino, birra, distillati circa l'obbligo di fornire ai consumatori informazioni su ingredienti e valori nutrizionali, come le calorie. Le etichette leggibili con device elettronici non sono passate

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

03

Luglio
2018

La Commissione europea ha bocciato l'ipotesi di etichetta nutrizionale elettronica delle bevande alcoliche proposta in marzo dall'industria del settore: contrari un recente parere dei servizi giuridici della Commissione e il giudizio del Commissario competente Vytenis Andriukaitis, che la definisce "incoerente".
"Il Commissario non è soddisfatto della proposta perché non è coerente e non affronta alcune questioni circa la corretta informazione ai consumatori - ha affermato all'Ansa una portavoce dell'Esecutivo. La valutazione degli esperti giuridici conferma che ci sono problemi legali. Stiamo valutando come andare avanti, il nostro interesse principale è l'informazione corretta ai consumatori".

Nel marzo 2017 la Commissione europea aveva chiesto ai produttori di bevande alcoliche, vini compresi, di trovare un accordo su un'etichetta nutrizionale, avvertendo che senza risultati entro un anno la Commissione avrebbe varato un regolamento specifico. Un anno dopo le organizzazioni di settore (vino, birra, distillati e sidro) hanno presentato una proposta comune articolata su tre elementi: la disponibilità a fornire informazioni sia sulle calorie che sugli ingredienti, la possibilità di utilizzare un'etichetta elettronica, la dose di riferimento comune da 100 ml. Il settore del vino era stato però esplicito nel richiedere un intervento legislativo specifico a livello UE su lista di ingredienti e calorie, con il riconoscimento della possibilità di usare l'e-label.


Condividi su: