È siciliano il miglior assaggiatore ONAV

È siciliano il miglior assaggiatore ONAV

Viene da Racalmunto, Agrigento, ed è stato festeggiato in occasione della convention dei delegati di Bologna il primo vincitore del titolo di Assaggiatore dell’Anno 2017

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

30

Novembre
2017

La selezione è stata fatta per testare la capacità di giudizio e la preparazione personale in tema vino. Da questi  presupposti è nata la competizione firmata ONAV per decretare il miglior degustatore d’Italia del 2017, il cui nome è stato ufficializzato a Bologna il 25 novembre, in occasione della Convention Nazionale dei Delegati.

Dopo le selezioni regionali, cinquanta contendenti hanno potuto accedere alla finale, organizzata in due sezioni di degustazioni svoltesi ad Asti. Al termine dei vari test che hanno visto i partecipanti mettersi alla prova con difetti del vino, riconoscimento di alcuni vitigni e domande sulla produzione enologica, il titolo 2017 è stato assegnato, grazie ad una prova pressoché perfetta, a Gianluca Alaimo di Loro di Racalmuto (AG), seguito da Marco Cagnazzi e Giovanni Battista Rubino. Un risultato inaspettato per lo stesso vincitore, che ringraziando la commissione, ha raccontato come la sua partecipazione alle selezioni sia stata vissuta come un test sulla propria preparazione e non come una gara nei confronti degli altri assaggiatori partecipanti.

Un tema ripreso anche dal presidente ONAV Vito Intini che durante la premiazione ha voluto sottolineare come “questo non sia un concorso per eleggere il migliore tra gli assaggiatori ma un’iniziativa ideata per avvicinare neofiti, appassionati ed esperti al grande mondo ONAV. Una prova che non mette a confronto titoli accademici o specifici percorsi di formazione”.

A fare da sfondo alla premiazione del Miglior Assaggiatore sono state le immagini fotografiche dell’esposizione “Siduri - Donne in Vino”, mostra presentata in anteprima per ONAV e dedicata al mondo del vino visto attraverso gli occhi delle donne. Dodici fotografe del Gruppo Fotografico Grandangolo di Carpi hanno raccontato le donne che di vino vivono e lavorano. Sono nate così immagini appassionanti che intendono celebrare la cultura enologica e le sue protagoniste con un linguaggio che valorizzi il saper fare italiano e la grande tradizione enologica del Bel Paese.


Condividi su: