Dolcificanti vs zucchero: non ci sono benefici sensibili

Dolcificanti vs zucchero: non ci sono benefici sensibili

Le ricerche non dimostrano prove forti di efficacia nella sostituzione dello zucchero: effetti minimi e incerti sul peso, glicemia e altre patologie

Questo sito utilizza cookies per facilitare la navigazione del sito.
Se navighi su foodandtec.com, acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Consulta le Modalità di trattamento dei dati personali

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

07

Gennaio
2019

Non sono state riscontrate importanti evidenze scientifiche di benefici dovuti all'uso di dolcificanti al posto dello zucchero. Lo afferma una revisione sistematica svolta dalla Cochrane Foundation degli studi e delle ricerche effettuati sul tema e pubblicata dal British Medical Journal. Cochrane è l'organizzazione a livello internazionale che "prepara, aggiorna e dissemina revisioni sistematiche degli studi clinici controllati sugli effetti dell'assistenza sanitaria e, laddove non sono disponibili studi clinici controllati, revisioni sistematiche delle evidenze comunque esistenti".

I ricercatori della Cochrane, coordinati da Joerg J. Meerpohl, hanno analizzato 56 studi diversi condotti in Europa sui possibili benefici su peso, glicemia, salute orale, tumori e altre patologie della sostituzione degli zuccheri con alternative meno caloriche.

Scrivono gli autori: "In generale i risultati mostrano che per la maggior parte degli esiti non ci sono differenze rilevanti dal punto di vista statistico o clinico tra chi è esposto ai dolcificanti, a diverse dosi, e chi non lo è".

Negli adulti pochi studi suggeriscono piccoli miglioramenti nell'indice di massa corporea e nella glicemia, ma la solidità dei dati è scarsa. Un moderato apporto di dolcificanti, aggiungono gli autori, è associato a un aumento di peso leggermente minore rispetto a chi ne usa molti, ma in una misura di circa 100 grammi.
Nei bambini invece non è stato osservato nessun effetto sull'indice di massa corporea.

Association between intake of non-sugar sweeteners and health outcomes: systematic review and meta-analyses of randomised and non-randomised controlled trials and observational studies


Condividi su: