De Castro: su dazi chiesta audizione urgente Malmstroem-Hogan

De Castro: su dazi chiesta audizione urgente Malmstroem-Hogan

L'obiettivo è presentare una lista di misure a sostegno immediato degli agricoltori e dell'agroalimentare europei

Questo sito utilizza cookies per facilitare la navigazione del sito.
Se navighi su foodandtec.com, acconsenti all'utilizzo dei cookie.

Consulta le Modalità di trattamento dei dati personali

Notizie dal mondo agroalimentare:
prodotti, mercati, tecnologie, processi di filiera

04

Ottobre
2019

"Abbiamo ufficialmente chiesto, come Commissione Agricoltura del Parlamento europeo, di incontrare lunedì 7 ottobre a Bruxelles l'attuale commissaria UE al commercio, Cecilia Malmstroem, e il futuro responsabile del portafoglio Phil Hogan per un'audizione urgente". Lo ha annunciato in una nota Paolo De Castro, coordinatore S&D alla Commissione Agricoltura.

"L'intento - ha precisato - è di presentare una lista di misure concrete da attuare immediatamente a sostegno degli agricoltori e dell'agroalimentare europeo, che pagano la fattura più elevata dei 7,5 miliardi di dazi che gli USA, secondo la Wto, potranno applicare dal 18 ottobre sull'import europeo per gli aiuti di stato versati da Francia, Germania, Regno Unito e Spagna a Airbus".

Alla vigilia della partenza della Malmstroem per Washington, "vogliamo anche confrontarci sulla strategia che Bruxelles intende portare avanti nelle trattative con gli USA, considerando che tra 8 mesi anche l'Europa potrà attivare dazi sui prodotti USAstimati in circa 4 miliardi, per gli aiuti concessi a Boeing".

"Chiederemo quindi alla Commissione - ha precisato De Castro - di iniziare le valutazioni necessarie all'attivazione della riserva di 400 milioni nel bilancio della PAC per far fronte alle crisi di mercato per i nostri prodotti agroalimentari".

"Bisogna anche potenziare il programma UE di promozione dei nostri prodotti all'estero. Pur non essendo coinvolti come Italia negli aiuti versati a Airbus, i dazi - ha ountualizzato il coordinatore S&D all'Agricoltura - colpiranno alcune linee tariffarie di prodotti indipendentemente dal Paese di origine. È quindi il momento per l'Europa di dimostrare che è capace di stare al fianco dei nostri produttori: in gioco ci sono 22 miliardi di export agroalimentare europeo verso gli USA, di cui 5 miliardi sono italiani".


Condividi su: